Pubblicità

Adolescente che non si accontenta mai (1495801146282)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 897 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

sara, 36le risposte dellesperto

 

 

 

 

 

 

domanda

 

 

Salve,Siamo una famiglia di stranieri che vive in italia da diverso tempo,qualche anno fa, mia sorella dopo maltrattamenti ad opera del marito,decide di separarsi con il mio aiuto e sostegno. il marito da allora nonsi è fatto più vivo.i figli sono due: una ragazza di 15 anni e un ragazzo di 13, mi preoccupa soprattutto il ragazzo, il quale non si accontenta mai vuole sempre di più, secondo lui tutti gli altri hanno più di lui. e per questo motivo è sempre triste

Premetto che nonostante la crisi mia sorella fa due lavori per garantire ai figli una vita dignitosa, vanno in ludoteca il pomeriggio, sono andati nei campi scuola, al cinema, ora fa anche calcetto, quindi non li manca niente.

Ma nonostante tutto il ragazzo vuole di più e fa disperare la madre la quale a sua volta si sente in colpa perché non può darli di più. la mia domanda è: è solo un capriccio? seconda domanda: potrebbe essere un problema psicologico e quindi avere aiuto di sostegno? sono preoccupata e vorrei fare qualcosa.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

 

risposta

 

 

Buongiorno i ragazzi stanno attraversando una fase particolare e delicata, che è quella dell'adolescenza. Non per tutti è un periodo facile di passaggio quello dall'infanzia all'età adultae più complesse sono state le fasi di passaggio e più a volte l'adolescenza è tumultuosa.

Hanno assistito ai maltrattamenti subiti dalla mamma? Li hanno subiti loro stessi?

Forse stanno risentendo anche della precedente situazione. Inoltre la signora si è separata in una condizione estrema e, se non ho frainteso le sue parole, quando dice che il marito non si è piu fatto vivo significa che nemmeno i figli, hanno più visto il loro padre.  Si capisce bene la complessità di una situazione del genere.

La mamma forse, facendo 2 lavori, riesce ad essere poco presente.   Certamente non sembra un capriccio quello che fa il figlio maschio. Sembra più una richiesta di aiuto.  Magari quando dice che tutti hanno più di lui, significa che tutti hanno 2 genitori? Lui non capisce e chiede le cose, ma gli oggetti non colmeranno mai questa mancanza. 

Provi a contattare un collega nella sua zona per iniziare un percorso di sostegno psicologico che, in questa fase, lo possa aiutare a gestire questo delicato momento di passaggio e riadattamento,  oltre che ad elaborare i maltrattamenti visti e/o vissuti .

Cordialmente

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

 

Pubblicato in data 21/06/2017

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita adolescenza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni