Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenti e armi (1524060348615)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 272 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoMara, 42

domanda

 

 

Salve, ho trovato nel portafoglio di mio figlio (16 anni) un coltellino.

Qualche mese fa era capitato di fare la stessa scoperta nel sellino dello scooter, allora lo avevo buttato senza dirgli nulla, ovviamente lui non mi ha mai chiesto niente a riguardo.

Ma credo sia il momento di parlarne, come posso affrontare l’argomento nei toni giusti? Premetto che da un anno a questa parte ha atteggiamenti da uomo vissuto, rendimento a scuola calato di molto, menefreghismo apparente, atteggiamento con i professori e con altri da “bulletto”.

Conosco la cerchia di amici e non penso ci siano “sostanze” di mezzo. È sempre stato un bambino ragionevole e studioso, fino in 2 media. Lo stiamo facendo seguire quotidianamente nello studio e sono sempre in contatto con i professori. Io e il padre siamo separati da 5 anni, da lui vissuta, per quanto possibile,abbastanza bene. I rapporti tra me e il padre sono ottimi, è molto presente con il figlio.

È ovviamente difficile riassumere la situazione in maniera esaustiva. Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Buongiorno Mara,

da quanto tempo suo figlio manifesta questi problemi? Cosa è successo nella sua vita a cavallo di questi cambiamenti? Senza capire da dove si origina il problema non è possibile riuscire ad aiutarlo. Suo figlio si rende conto che c’è qualcosa che non va? Oppure per lui le cose stanno andando bene? C’è da parte sua una richiesta di aiuto ? Cosa dice delle lamentele dei professori nei suoi confronti?

Può essere che tutto sia iniziato nel periodo della vostra crisi di coppia che ha poi portato al divorzio?

Se adesso suo figlio  ha 16 anni, i tempi più o meno sembrano coincidere. Può essere che non abbia reagito bene al clima che si respirava in casa prima delle vostra scelta e poi essersi trascinato una sorta di malessere che con il passare del tempo e l’ingresso  nell'adolescenza ha espresso in questo modo?

Non dubito che i rapporti tra lei ed il suo ex marito siano buoni e che siate entrambi molto presenti nella vita di vostro figlio, ma lui come ha preso veramente la vostra decisione? Partiamo sempre dal punto di vista dei figli, che subiscono questa decisione presa dai genitori, senza avere potere di fare nulla. Vi siete rifatti una vita nel frattempo? Se si, come ha preso l’ingresso nelle vostre vite di altre persone?

Del coltello certamente bisogna parlare, altrimenti si creano dei fraintendimenti e dei “non detti” che non aiutano a far crescere il rapporto, né tanto meno il dialogo e la sincerità. Può introdurre l’argomento dicendo che tempo fa aveva trovato il coltellino e che lo aveva buttato via, non trovando le parole per affrontare il discorso ma, che adesso che ne ha trovato un’altro, non può evitare di parlare.

E’ lei in quanto genitore, magari anche con il sostegno del padre, che deve tirare fuori questo argomento e chiedere spiegazioni. Non possiamo aspettarci che un adolescente di 16 anni prenda questa iniziativa. Per lui chiuderla così è il modo migliore di non affrontare la questione. Lei che cosa teme? perché lo ha buttato via senza chiedere nulla a suo figlio? Il padre lo sa? cosa ne pensa? Lei ha paura? Teme una reazione da parte di suo figlio? Cosa ha immaginato che lui possa fare con questo coltellino che lei ha trovato?

Nell’affrontare il discorso può  aspettarsi anche un pò di rabbia da parte di suo figlio che si sentirà tenuto sotto controllo e spiato, ma certamente non si può non parlare di questa cosa. Magari non è nulla e lo ha comprato per farci delle cose banali ma, ha necessità di esserne sicura.

Se non se la sente di farlo da sola, può chiedere aiuto ad un collega e farlo facendosi aiutare da lui, in un ambiente protetto dove sentirsi maggiormente al sicuro.

Cordialmente

 

Pubblicato il 07/05/2018

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita adolescenti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

News Letters

0
condivisioni