Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenti e bugie (146012)

on . Postato in Adolescenza | Letto 294 volte

Luigi 53

Salve, mia figlia ha sedici anni e grazie anche a strumenti come facebook, si sta creando un mondo fittizzio piuttosto morboso, coinvolgendo amici e compagno di scuola: creazione di "amici immaginari", pretese violenze accompagnate da lievi casi di autolesione. Le bugie sono elaborate, vere storie a volte contraddittorie e improvvisate, a volte costruite con fittizzi profili su facebook, con una certa cura. Tutto ciò però ad un certo punto, inevitabilmente, viene a cozzare con la realtà in modo spettacolare. La prima volta è successo a metà anno scolastico, quando fummo convocati dalla responsabile di classe. Ora, dopo un periodo di "latenza" nel quale mia figlia aveva comunque perso credibilità nel suo ambiente sociale, famigliare e di amicizie, e nel quale sembrava con difficoltà essersi ricostruita una rete di amicizie, ecco che dopo la fine della scuola e una piccola vacanza, siamo arrivati al secondo "collasso della realtà": domani devo  presentarmi con mia figlia alla polizia postale, per qualche sorta di torbido coinvolgimento in situazioni pericolose, che presumo inventate. Temo che per la seconda volta in un anno ci sarà una frana di castelli di carta. Sono arrivato in questo sito con la seguente parola chiave: "psicologia ragazzi bugiardi". Come riconoscere il limite tra fantasia, ricerca di consenso sociale e umano, problemi adolescenziali legati alla sessualità, e dall'altra parte la patologia e la malattia? Cosa significa tutto ciò? Senso di inadeguatezza nei confronti della realtà, pulsioni sessuali, ricerca di una personale immagine di sè? Come aiutare mia figlia? Ho bisogno di capire! Siamo genitori forse distratti, in una situazione economica non floridissima ma normale, che si trovano sempre più spesso davanti ad un piccolo riccio, e che forse avrebbero potuto esser più presenti. Un saluto.

 

Caro Luigi è importante che sua figlia venga aiutata a discernere quale sia la realtà quotidiana da quella virtuale, credo che questo processo possa iniziare a casa o se lo sente un compito troppo complesso chieda aiuto. Inoltre è importante valutare quanto sua figlia sia stata stimolata alla socievolezza! Auguri. Un saluto.

 

(Risponde la Dott.ssa Francesca Iacobelli)

 

Pubblicato in data 28/07/2010

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters