Pubblicità

Adolescenza (071554)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 209 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

gg 15 anni, 20.04.2004

Non so neanche come cominciare, provare a descrivere quello che provo, tentare di usare parole per "esprimermi". Tutto questo nasce dall'incomprensione forse, o forse dal desiderio che qualcosa nella mia vita sia diverso.
Nessuno immagina cosa stia io provando o come mi senta, soprattutto nessuno tenta comunque di essermi vicino.
Facendo alcuni test (oltre a quelli del vostro sito) è risultato che sono ossessiva, schizofrenica, paranoica, un livello di MEDIO-ALTO nella scala di autovalutazione di depressione, 85 il punteggio al test per lo stress, a quanto pare sono bulimica, ma non è questo il punto.
I test [forse è troppo poco dire spesso] sbagliano, ma io sto male e questo è inconfutabile.
La mia famiglia c'è e non c'è, potrebbe non esserci, non ho amici, la scuola è una specie di corsa a ostacoli interminabile, le ambizioni ci sono, ma probabilmente non verranno mai realizzate.
Vorrei potermi allontanare dal mondo in cui vivo, poter vivere, e non dover sempre e solo s ognare. A volte ho degli scatti d'ira, crisi di pianto, non riesco a star ferma, soffro d'insonnia [cioè...più del solito], e anche altre cose che però ora non ho la forza di dire, un po'perchè non voglio ammetterlo, un po'perchè ...perchè non riesco a dirlo.
Ecco. è questo sentirmi imprigionata, questo silenzio che mi fa male [cielo...mi sembra di essere nel film "the unsaid"...ridicolo] e che mi distrugge. Ho paura, ho paura, ho paura.
Paura di chiedere aiuto. Paura di non esserci. Paura di me stessa. Paura di ammettere la verità, o meno. Io provo a non pensare a quanto sto male, tento di essere come "da regola", senza che gli altri possano pensare "male" di me, eppure nonostante tutti i miei sforzi di essere vera, di essere falsa, vengo sempre e costantemente evitata o denigrata.
Potrei continuare per ore e sfogarmi con questo schermo del computer conscia del fatto che non c'è nessuno comunque che saprà quali pensieri sono stati formulati nella semioscurità di questa camera, senza p robabilmente sapere che si sono io. Mi fermo qui. Non riesco a continuare.

Almeno questa volta di là dallo schermo c'è qualcuno che ti ascolta e che ti sta rispondendo. Puoi continuare a sforgarti, parlare fa bene, fa capire quello che abbiamo dentro.
Soprattutto fa uscire il malessere che ci tormenta, le paure che ci assalgono. Ecco, come dici, non fermarti a pensare alle tue paure, a quanto stai male perchè rischi di aumentare ancora la profondità del tuo disagio.
Invece è necessario pensare che sia qualcosa che può passare, a patto che tu ne capisci il senso, la direzione, il messaggio contenuto in quello che provi.
C'è sempre un perchè e se lo scopri puoi uscire dal tormento. Non è soltanto il malessere dell'adolescenza: è il tuo modo di reagire alle cose intorno a te, a quello che che ti sta accadendo.
E' in tuo potere cambiare la reazione e vivere le cose in modo diverso. prova a pensare in un modo differente, ad avere più ottimismo e serenità, le cose cambiano e possono migliorare.
Concentrati sulla gioia o su quei momenti in cui sei serena, falli aumentare.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

News Letters

0
condivisioni