Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza (119923)

on . Postato in Adolescenza | Letto 158 volte

Gabriele 14

Sono la mamma di un ragazzo di 14 anni che frequenta il 1° anno della scuola superiore. Mi trovo di fronte ad una realtà che avrei voluto che non accadesse. Mio figlio ha atteggiamenti di opposizione, non accetta l'impegno scolastico e rifiuta ogni mio aiuto o interessamento nei suoi confronti. Mi esprime desideri di solitudine, di allontanamento dai problemi, non si confronta con i suoi compagni di scuola. Il suo rendimento scolastico, da un inizio positivo, é andato via via scemando fino a raggiungere la bocciatura. In seguito a mie continue sollecitazioni manifesta sentimenti di rabbia, odio e quasi desiderio omicida nei confronti delle persone che gli richiedono impegno e responsabilità quali: le insegnanti e me medesima. Ha un attagiamento di volontaria rinuncia e disinteresse verso tutto il mondo circostante come: hobby, sport, amicizie. Le sue attività preferite e costanti sono: guardare cartoni animati giapponesi su internet, prendere a noleggio films del genere horror e catastrofico, passeggiare in solitudine. Ho tentato più volte, attraverso il dialogo, il confronto, di farlo ragionare, di staccarlo da pensieri e atteggiamenti a mio parere autolesivi e insensati, ma con il risultato appunto di chiusura e indifferenza. Ho bisogno di un aiuto, suggeritemi voi quale comportamento o soluzione posso adottare per risolvere questo problema per me molto serio. Vi ringrazio sinceramente,  una mamma.

Cara, direi che tuo figlio ha un grande bisogno di aiuto. E' un adolescente e come tutti i ragazzi della sua età non vuole che i genitori facciano parte della sua vita se non come figure di sfondo. Ma lui ha un problema in più: mentre gli altri ragazzi della sua età mettono da parte i genitori per affidarsi agli amici, tuo figlio è solo. Inoltre c'è questo campanello d'allarme che suona fortissimo quando mi scrivi: "manifesta sentimenti di rabbia, odio e quasi desiderio omicida nei confronti delle persone che gli richiedono impegno e responsabilità quali: le insegnanti e me medesima". Non posso fare una vera e propria diagnosi perchè gli elementi non sono sufficienti e soprattutto perchè non conosco tuo figlio, ma ti consiglio di rivolgerti ad un professionista di persona poichè quello che scrivi lascia intendere che stia vivendo un periodo di depressione. Ti auguro di risolvere presto il tuo problema.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 10/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un og...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters