Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza (129073)

on . Postato in Adolescenza | Letto 156 volte

Ians 18

Salve, sono un ragazzo di 18 anni ed è da parecchio tempo che sto vivendo una sorta di "crisi" da cui non so come uscirne. In sostanza penso in continuazione da diversi mesi che la mia fanciullezza è finita e non ritornerà mai più, penso al mio rapporto cn i genitori da bambino ai ricordi dell'infanzia con la consapevolezza che non torneranno mai più momenti simili. Sembrano cose normali ma io ci penso in continuazione da parecchi mesi e piango se ci penso. Non ce la faccio più, vorrei smettere di pensare in continuazione alla mia infanzia (che tra l'altro nn ha avuto traumi) e rattristirmi. C'è un modo per far si che pur pensandoci, non mi deprima? C'è un modo per uscire una volta per tutte da questa crisi? Non so per quanto tempo ancora potrò andare avanti con questo problema. Vi ringrazio in anticipo e mi scuso per non essere stato molto chiaro ma è una cosa che trovo difficile spiegare.

Caro Ians, quello che descrivi è poco comune ma non grave. Probabilmente il tuo legame con i tuoi genitori è così forte che temi che la condizione di adultità possa spezzarlo. Invece non è così, anzi. Se il vostro rapporto è così bello non vedo motivo per cui le cose debbano cambiare. Crescendo vedrai che cambierà la modalità in cui vi relazionerete, ma non l'affetto e la disponibilità che vi siete sempre dati. Aspetta ancora un pò, cerca di pensare bene a quanto ti ho scritto, parlane anche con loro e, se proprio questo stato d'animo non ti abbandona, allora puoi chiedere il supporto di uno psicologo che ti consenta con la sua guida e il suo supporto, di guardarti bene dentro e venire a capo di questo tuo desiderio di regressione all'infanzia.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 27/01/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters