Pubblicità

Adolescenza (129073)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 229 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ians 18

Salve, sono un ragazzo di 18 anni ed è da parecchio tempo che sto vivendo una sorta di "crisi" da cui non so come uscirne. In sostanza penso in continuazione da diversi mesi che la mia fanciullezza è finita e non ritornerà mai più, penso al mio rapporto cn i genitori da bambino ai ricordi dell'infanzia con la consapevolezza che non torneranno mai più momenti simili. Sembrano cose normali ma io ci penso in continuazione da parecchi mesi e piango se ci penso. Non ce la faccio più, vorrei smettere di pensare in continuazione alla mia infanzia (che tra l'altro nn ha avuto traumi) e rattristirmi. C'è un modo per far si che pur pensandoci, non mi deprima? C'è un modo per uscire una volta per tutte da questa crisi? Non so per quanto tempo ancora potrò andare avanti con questo problema. Vi ringrazio in anticipo e mi scuso per non essere stato molto chiaro ma è una cosa che trovo difficile spiegare.

Caro Ians, quello che descrivi è poco comune ma non grave. Probabilmente il tuo legame con i tuoi genitori è così forte che temi che la condizione di adultità possa spezzarlo. Invece non è così, anzi. Se il vostro rapporto è così bello non vedo motivo per cui le cose debbano cambiare. Crescendo vedrai che cambierà la modalità in cui vi relazionerete, ma non l'affetto e la disponibilità che vi siete sempre dati. Aspetta ancora un pò, cerca di pensare bene a quanto ti ho scritto, parlane anche con loro e, se proprio questo stato d'animo non ti abbandona, allora puoi chiedere il supporto di uno psicologo che ti consenta con la sua guida e il suo supporto, di guardarti bene dentro e venire a capo di questo tuo desiderio di regressione all'infanzia.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 27/01/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

News Letters

0
condivisioni