Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza (142283)

on . Postato in Adolescenza | Letto 180 volte

Monica 44

Salve, sono madre di due ragazzi di 18 e 16 anni. I problemi sono iniziati quasi due anni fa, con il figlio maggiore, quando si è manifestata una crisi depressiva di circa due settimane. Da allora non è più stato il ragazzo spensierato che conoscevo e soprattutto nel periodo invernale si alternano alti e bassi. A ciò si aggiunge anche il periodo delicato che stà vivendo, legato alla scelta del suo futuro: università o lavoro? Va rilevato che la sua problematica non lo ha certo aiutato nello studio e pur avendo buone capacità queste sono sempre rimaste piuttosto inespresse con relativa penalizzazione del rendimento scolastico, è come se fosse bloccato dalle sue ansie, dalle sue paure. Ultimamente inoltre presenta anche una certa ipocondria. Non so veramente cosa fare, se spingerlo verso l'impegno dell'università o verso il mondo del lavoro. Lui non sa cosa vuole fare del suo futuro e spesso ci dice che in questa scelta deve essere guidato dalla famiglia. Domani ho un appuntamento con uno psicologo. Non è il primo a cui mi rivolgo ma devo dire che non è facile trovare la persona giusta. Mio figlio però si rifiuta di venire perchè dice che non è matto. Nessuno in famiglia ha mai ritenuto che i matti vadano dagli psicologi, anzi, accettarsi di farsi curare è il primo passo per la guarigione ma io non so come fargli capire ciò. Vi chiedo aiuto, non ignorate questa mia richiesta. 

Salve Monica, non so come sia andato l'incontro con lo psicologo, se suo figlio abbia accettato di vederlo e di parlare con lui, perciò le rispondo per come mi ha descritto la situazione.Suo figlio ha certamente ragione, avere un momento di difficoltà nel prendere decisioni importanti nella vita non significa essere matti, significa solo prendersi del tempo per riflettere. Lo psicologo piò aiutare a fare questo, come voi in famiglia sapete bene, nel senso che può esplorare insieme alla persona i vari punti di vista sulla questione utilizzando la sua esperienza e professionalità per fare luce su ciò che è confuso o poco chiaro e che perciò rende la situazione più difficile. Ugualmente non significa essere matti avere un periodo in cui l'umore è molto basso, in cui ogni cosa appare troppo difficile e complicata, in cui sembra di non avere la forza per far fronte alle richieste che ci vengono dal mondo adulto. Anche in questo caso, lo psicologo può aiutare a capire in cosa consista questo peso, ed a trovare insieme un modo per vedere e vivere le cose che sia più adeguato ai progetti ed al modo di sentire di ognuno.Non posso sapere quali sono i modi specifici in cui uno psicologo può aiutare suo figlio, se lui lo vorrà, ma può forse chiedere a suo figlio di discutere la questione proprio con lo psicologo, portando le sue ragioni del perché non dovrebbe fare dei colloqui con lui. Per quanto riguarda lei, credo che stia già tenendo conto dell'impatto che questa situazione ha su di lei, e di quali modi può avere per viverla ed affrontarla. Spero di esserle stata utile, Monica, altrimenti può contattarmi ancora

(Risponde la Dott.ssa Lucia Banchelli)

Pubblicato in data 11/03/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia/Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

News Letters