Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza (143931)</font>

on . Postato in Adolescenza | Letto 195 volte

Alessandra 22

Salve, ho 22 anni e sono una studentessa universitaria. Scrivo perchè sto passando un brutto periodo. Non mi accetto per quella che sono. Insomma per essere breve odio il mio fisico, come sono fatta esteriormente e mi sento diversa dalle mie coetanee. Tanto per spiegarmi sono alta 1,75 cm e peso circa 64 kg e diciamo che ho il tipico fisico formoso, curvilineo tipico di una pin up. Mi sento fuori posto rispetto alle altre mie amiche con un fisico filiforme e longilineo. Penso di non essere accettata dai ragazzi per questo perchè non sono magra. La mia migliore amica è alta come me ed è la metà di me, insomma magrissima senza curve senza un sedere e senza un seno, ma viene vista come una ragazza stupenda, ammirata da tutti. Mi sento a disagio, insomma non sono invidiosa di lei, ma soffro da morire perchè mi sento sbagliata, brutta invisibile perchè so che potrei fare mille diete e mille corsi di fitness, ma purtroppo i risultati sono deludenti e anzi peggiorano sempre di più il mio umore. La mia famiglia cerca di incoraggiarmi con complimenti cercando di darmi un pò di autostima, ma l'ho persa e odio questa tale me stessa da impazzire. Vorrei avere mille specchi per guardarmi e per non sembrare fuori posto e essere giudicata positivamente. Cosa devo fare? Vorrei uscire da questa crisi e capire che sono unica e speciale per quella che sono per quello che ho dentro e non per un involucro esterno. Grazie per l'attenzione. Attendo una risposta al più presto.

Cara ragazza, a quanto dici le tue amiche sono delle scope! Innanzitutto smetti di guardarti allo specchio. Poi tu stessa dici di avere un fisico da pin up e che vuoi capire che "sono unica e speciale per quella che sono per quello che ho dentro e non per un involucro esterno". Nessuno può aprirti la testa e metterci qualcosa dentro. Nessuno tranne te. E poi se dici certe cose vuol dire che le pensi, che le sai e che forse tutto questo tuo malessere viene dal timore di dire a te stessa che sei bella. Fallo! Perchè nessuno potrà mai amarti se non ti ami prima tu. Ciao.

 

(Risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 29/04/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. Freud utilizza il termine per i...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

News Letters