Pubblicità

Adolescenza (143931)</font>

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 261 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessandra 22

Salve, ho 22 anni e sono una studentessa universitaria. Scrivo perchè sto passando un brutto periodo. Non mi accetto per quella che sono. Insomma per essere breve odio il mio fisico, come sono fatta esteriormente e mi sento diversa dalle mie coetanee. Tanto per spiegarmi sono alta 1,75 cm e peso circa 64 kg e diciamo che ho il tipico fisico formoso, curvilineo tipico di una pin up. Mi sento fuori posto rispetto alle altre mie amiche con un fisico filiforme e longilineo. Penso di non essere accettata dai ragazzi per questo perchè non sono magra. La mia migliore amica è alta come me ed è la metà di me, insomma magrissima senza curve senza un sedere e senza un seno, ma viene vista come una ragazza stupenda, ammirata da tutti. Mi sento a disagio, insomma non sono invidiosa di lei, ma soffro da morire perchè mi sento sbagliata, brutta invisibile perchè so che potrei fare mille diete e mille corsi di fitness, ma purtroppo i risultati sono deludenti e anzi peggiorano sempre di più il mio umore. La mia famiglia cerca di incoraggiarmi con complimenti cercando di darmi un pò di autostima, ma l'ho persa e odio questa tale me stessa da impazzire. Vorrei avere mille specchi per guardarmi e per non sembrare fuori posto e essere giudicata positivamente. Cosa devo fare? Vorrei uscire da questa crisi e capire che sono unica e speciale per quella che sono per quello che ho dentro e non per un involucro esterno. Grazie per l'attenzione. Attendo una risposta al più presto.

Cara ragazza, a quanto dici le tue amiche sono delle scope! Innanzitutto smetti di guardarti allo specchio. Poi tu stessa dici di avere un fisico da pin up e che vuoi capire che "sono unica e speciale per quella che sono per quello che ho dentro e non per un involucro esterno". Nessuno può aprirti la testa e metterci qualcosa dentro. Nessuno tranne te. E poi se dici certe cose vuol dire che le pensi, che le sai e che forse tutto questo tuo malessere viene dal timore di dire a te stessa che sei bella. Fallo! Perchè nessuno potrà mai amarti se non ti ami prima tu. Ciao.

 

(Risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 29/04/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni