Pubblicità

Adolescenza (144299)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 299 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ada 19

Salve, ho un grave problema che mi porto dietro da quando ero piccola: ho attacchi di panico ogni volta che mi trovo con persone che non siano i miei familiari o amici intimi. Inizio a tremare, a balbettare, mi manca il respiro. Ciò mi costringe a vivere una vita molto solitaria. La situazione più terrificante si verifica a scuola quando, nonostante conosca insegnanti e compagni da 5 anni, devo parlare davanti a tutti. Non si tratta della normale paura da interrogazione: il cuore batte a mille, non riesco a esprimermi e a volte mi sembra di non sentire; é come se entrassi in un altro mondo. Solo grazie alla sensibilità di gran parte dei docenti riesco a prendere la parola, continuando però a tremare e ad avere il volto rosso. All'età di otto anni ho iniziato ad avere questi sintomi. Sottolineo che a scuola ho sempre avuto buoni risultati, non ho problemi di autostima nè i classici complessi adolescenziali. La mia situazione familiare è invece molto delicata: una madre prepotente che si impone, un padre assente (uno sconosciuto per me), una situazione economica precaria che mi impone numerose rinunce. Ultimamente sono peggiorata e non faccio che tremare-soprattutto con le mani - anche davanti amici e parenti che me lo fanno notare in continuazione. Per sbloccarmi ho provato ad iscrivermi in palestra e a lavorare in un bar. Si sono rivelate esperienze catastrofiche: le persone notavano il mio tremore e non facevano che ridere di me tutto il tempo, dandomi anche della pazza o della psicopatica. Ciò mi ha fatto soffrire molto e ho iniziato a convincermi di essere davvero anormale. Sono preoccupata per il mio futuro. Mi chiedo che razza di lavoro potrò mai svolgere se sono in queste condizioni, mi chiedo se abbia senso iscriversi all'università. Fin quando non avrò indipendenza economica non potrò permettermi visite da uno psicologo privato. Chiedo a voi dei consigli utili e saggi che mi possano aiutare a vivere serenamente e a distruggere questo mostro. Grazie.

 

Cara Ada, tu scrivi "Per sbloccarmi ho provato ad iscrivermi in palestra e a lavorare in un bar". Non è così che si risolvono i problemi relativi alla psiche. Non riuscirai mai a venire fuori dal tuo problema finchè non ti affidi alle cure di un esperto. Capisco che il lato economico possa avere (ed ha) la sua importanza, ma se non stai bene non puoi lavorare, se non lavori non puoi fare nulla per stare bene, e resti impigliata in una rete di dolore e impotenza dalla quale non sai liberarti. Prova al consultorio o presso un'associazione di volontariato, tanto per cominciare. Tu DEVI stare bene. E solo tu puoi decidere di iniziare a fare qualcosa per raggiungere questo obiettivo. In bocca al lupo. Un saluto.

(Risponde la Dott.ssa Magno Agnese)

Pubblicato in data 24/06/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters

0
condivisioni