Pubblicità

Adolescenza (1444408)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 250 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mauro 16

Salve, ho un bel mucchio di problemi che mi fanno essere infelice. Per questo motivo sto seriamente pensando di farla finita. I miei problemi si estendono in vari generi. Partendo da quelllo che per me è il più importante, ho una storia d'amore con una ragazza che conosco da 6 anni (la storia però ha solo un anno) quando sto con lei io penso di amarla e quando non sto con lei il contrario (ma non sempre). Cosi l'ho lasciata però lei ci stava troppo male e anche io così dopo appena un giorno e mezzo mi ci sono rimesso e si sta ripresentando la stessa situazione e io sto davvero molto male. Non so che fare. Però i dubbi verso lei secondo me nascono dal fatto che io sono molto pessimista ma anche da altri problemi di cui adesso parlo. La mia famiglia. Beh, la mia famiglia è molto molto molto complicata. Ho due genitori che sanno di non amarsi ma continuano a stare insieme   non capendo così che rovinano la mia vita, inoltre  la mia famiglia è composta da 4 persone  e viviamo con poco piu di seicento euro mensili. Si aggiunge il fatto che con mio fratello non ho un rapporto e che mio nonno è morto da circa quattro mesi e per ultimo non sono mai stato preso seriamente da nessuno dei miei parenti (10 zii e 10 cugini). Come ultimo problema ho quello degli amici, cioè ho degli amici ma credo  che nessuno di loro (mia ragazza esclusa) tenga davvero a me e quindi tra famiglia amore e amici io mi sento davvero solo. Che devo fare? Non mi sembra normale che un ragazzo così giovane come me pensi seriamente di ammazzarsi. Per favore datemi un consiglio perchè non so davvero cosa fare! A questo punto penso davvero che lasciare questo posto sia la cosa migliore. Se pensate perchè non l'ho ancora fatto vi rispondo: "Non l'ho fatto solo perchè sono certo che la persona che mi ama starebbe troppo male per me. E l'unica cosa che desidero è che lei sia felice ma sto cominciando a pensare che con me la felicità non la potrà mai raggiungere". Un saluto, grazie.

 

Caro Mauro, più che non essere normale è ingiusto che un ragazzo della tua età pensi di ammazzarsi e sono certa che non lo farai. Non so se davvero tu sia così trascurato dai tuoi cari e dai tuoi amici, ma se questa è l'impressione che hai qualche problema c'è. Non hai provato a parlarne con loro? A mostrargli i tuoi dubbi sulla loro lealtà e il loro affetto? Io credo che potresti avere qualche bella sorpresa se provassi a chiarire con loro quello che provi. Per quanto riguarda i tuoi genitori, invece, lì è più complicato: si tratta di un rapporto coniugale nel quale nessuno, neanche tu, può entrare. Due persone che si sposano e decidono di stare insieme anche quando l'amore è finito ne avranno certamente delle buone ragioni. Più che chiedere loro spiegazioni non credo tu possa fare. Non puoi dire loro: "Io vedo che non vi amate più e preferirei che vi lasciaste". Non puoi farlo perchè potresti sbagliarti e perchè forse non hanno un atteggiamento caloroso, sono freddi l'uno con l'altro ma è solo un modo loro di vivere il matrimonio, non puoi sindacare più di tanto. Se poi oltre ad essere freddi, litigano in continuazione, allora è diverso: in tal caso credo che il tuo punto di vista in merito debba essere ascoltato e tenuto in considerazione, poichè è mille volte meglio per un figlio avere genitori separati piuttosto che genitori che litigano in continuazione. In bocca al lupo per tutto.Un saluto.

(Risponde la Dott.ssa Magno Agnese Tiziana)

Pubblicato in data 24/06/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

News Letters

0
condivisioni