Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza (152938)

on . Postato in Adolescenza | Letto 219 volte

Clara 46

Salve,
ho un figlio di 15 anni di nome Alessandro che fa fatica ad avere amicizie...è molto legato ad una sua cugina e a scuola non va molto bene. Vorrei sapere come aiutarlo, che consigli posso dargli per migliorare la sua autostima. Io e mio marito cerchiamo di capirlo, ma anche di spronarlo ad avere degli interessi che possano aprilo. In casa andiamo d'accordo e mi piace la sua compagnia, però io e mio marito abbiamo i nostri interessi e mi dispiace lasciarlo solo a casa perchè lui non vuole patecipare e lo capisco perchè sono cose che piacciano a noi. Come possiamo fare? da un parte mi fa piacere che esca poco dato quello che si sente in giro; dall'altra mi spiace perchè mi fa male il suo isolamento.
Clara



Gentile Clara,
Alessandro è entrato nell'adolescenza e certo non sarà facile coinvolgerlo in attività interessanti per voi genitori, poichè, per natura, in questa fase i ragazzi tendono ad allontanarsi dal nucleo familiare.
Allo stesso tempo Alessandro dovrebbe però unirsi ed intensificare i rapporti con i coetanei. Non è raro tuttavia un atteggiamento di chiusura come il suo. Sarebbe utile capire se il suo comportamento sia dovuto a un carattere da sempre introverso, timido o insicuro, o se il suo isolamento sia man mano crescente. Mi dice che Alessandro non va molto bene a scuola e credo, a questo punto, che non abbia creato amicizia con i compagni. Dovrebbe comprendere e approfondire le sue motivazioni. Alessandro ama ciò che fa? Perchè non ottiene buoni risultati? Per aumentare la sua autostima sarebbe utile che scegliesse delle attività di suo interesse, nelle quali si sentirebbe gratificato e più competente.
Per renderlo sicuro di se stesso cercate di rinforzare con complimenti e sostegno i suoi successi o atteggiamenti positivi, evitate di rinfacciargli aspetti del suo carattere (es. la introversione) in maniera negativa.
Un ultimo consiglio riferito alle sue ultime righe: è vero, la cronaca ci narra di episodi negativi e violenti, ma non possiamo proteggere un ragazzo dalla realtà della vita quotidiana. Per diventare adulti maturi e consapevoli bisogna imparare ad affrontare il mondo in prima persona.

(Risponde la Dott.ssa Dongiovanni Filomena)

Pubblicato in data 12/01/2012
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia/Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

News Letters