Pubblicità

adolescenza (43196)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 228 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luna, 45anni (13.9.2001)

>Mio figlio ha 15 anni e ha sempre detto di non amare la scuola ( abbiamo capito che era perché lo allontanava da me) superata la prima fase si è abituato e non abbiamo avuti grossi problemi: studiava con piacere gli piaceva apprendere approfondiva gli argomenti voti alti. alle medie è iniziato qualche problema studiava poco perché non era abbastanza stimolato e gli bastava quello che già sapeva per avere voti alti - addirittura un insegnante mi diceva di sentirsi a disagio di fronte a mio figlio che già sapeva tanto!!! - in IV ginnasio le cose sono peggiorate si rifiutava di studiare come l'insegnante voleva. l'insegnante peraltro mi diceva che era il più dotato che riusciva comunque ad emergere ma contestava continuamente. ci sono stati vari episodi spiacevoli anche perché mio figlio è convinto che bisogna dire la verità a qualsiasi costo.alla fine è stato promosso ma tutti i voti gli sono stati abbassati per punirlo(sic)/(questo è quello che è stato detto!)..Mio figlio ,abituato ad essere il migliore, si è vergognato tanto da non voler uscire e vedere i compagni per tutta l'estate (escluso 15 giorni di mare con noi in cui è stato normale).ora ha cambiato scuola ma ci va come un condannato a morte , in più vorrebbe tornare a quella dell'anno scorso con i suoi compagni anche se prima non voleva assolutamente più metterci piede...ha ripreso ad uscire con i vecchi compagni...
Sono preoccupata perché lo vado confuso a disagio mi sembra che vada molto a ruota libera fa capricci asserisce che non vuole crescere perché da piccolo poteva fare quello che voleva ed era giustificato nello stesso tempo ha il problema che non ancora ha fatto lo sviluppo mentre il fratello lo ha fatto prima ed è più alto di lui ecc. come possiamo aiutarlo?

Il sapere, la capacità di apprendere non sono fini a se stessi, bisogna saperli confrontare, esprimere, metterli in discussione. Si è il "migliore" nelle competizioni, nello sport ed è nella logica, ma non si può parlare di migliore, del più dotato nella cultura, nel sapere, nelle scienze. Perché, ha cambiato scuola? pensavate di risolvere il problema? Signora Luna, cerchi di attingere anche più notizie dalla scuola, dalla verità degli altri; stimoli suo figlio a saper negoziare la vita, perché la scuola non è una gara di sapere, ma è la scena reale e quotidiana di formazione dell'essere umano.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni