Pubblicità

adolescenza (48863)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 211 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giulia, 20anni (22.2.2002)

Volevo chiedervi un consiglio in quanto qualche volta accadono dei fatti che mi fanno un po' preoccupare, anche se forse la mia preoccupazione è infondata. Premetto che fin da piccola ho considerato i miei genitori abbastanza assenti, così che ora, soprattuto con mio padre, non ho un buon rapporto. Mio padre è prepotente, iperprotettivo e con lui non c'è dialogo. Comunque mi sono accorta che in certi momenti in cui sono particolarmente triste, comincio a pensare ossessivamente a qualcosa, di solito una cosa banale che mi è successa, o una frase che ha detto qualcuno, per esempio, e penso che sia la causa della mia tristezza, e più ci penso più mi deprimo. Spesso diventa una scenata di gelosia ingiustificata nei confronti del mio ragazzo, o comunque mi invento qualcosa che non c'è.
Ora ripensando che circa dieci anni fa sono successi due episodi in cui ho sentito una voce e nel secondo una risata che non c'erano, mi sono un po' preoccupata. Un'altro problema è che purtroppo sono timida, non eccessivamente, ma quando devo parlare con degli sconosciuti non riesco proprio a mantenere la calma. Qualche anno fa pensavo che alla mia età non avrei avuto questi problemi che, anche se non sono gravi, mi danno proprio fastidio. Avete qualche consiglio da darmi?
Giulia

Non aver avuto la possibilità di creare un rapporto stabile con i tuoi genitori ha detrminato, con probabilità, un vissuto di insicurezza ed di bassa autostima.Mi sembra che tu sia molto concentrata sul tuo vissuto, se sei triste e ci pensi diventi ancora più triste...molto tempo fa credevi di aver avuto dei fenomeni di allucinazione e oggi ne sei proccupata.Capisco quanto ti possano dare fastidio questi pensieri...ma in ogni caso c'è una cosa che ti deve rassicurare, sei consapevole di iventare cose che non esistono. Quello che ti consiglio è di valutare quanto un fenomeno sia oggettivo e di cercare il più possibile di restare ancorata a quello che accade realmente in quel posto in un determinato momento.Credo che tu ti senta sola e pensi che non ci sia nessuno che ti possa rassicurare, dire queste cose a qualcuno può aiutarti a vedere quello che ti accade con maggiore chiarezza. In bocca al lupo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

News Letters

0
condivisioni