Pubblicità

adolescenza (48863)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 190 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giulia, 20anni (22.2.2002)

Volevo chiedervi un consiglio in quanto qualche volta accadono dei fatti che mi fanno un po' preoccupare, anche se forse la mia preoccupazione è infondata. Premetto che fin da piccola ho considerato i miei genitori abbastanza assenti, così che ora, soprattuto con mio padre, non ho un buon rapporto. Mio padre è prepotente, iperprotettivo e con lui non c'è dialogo. Comunque mi sono accorta che in certi momenti in cui sono particolarmente triste, comincio a pensare ossessivamente a qualcosa, di solito una cosa banale che mi è successa, o una frase che ha detto qualcuno, per esempio, e penso che sia la causa della mia tristezza, e più ci penso più mi deprimo. Spesso diventa una scenata di gelosia ingiustificata nei confronti del mio ragazzo, o comunque mi invento qualcosa che non c'è.
Ora ripensando che circa dieci anni fa sono successi due episodi in cui ho sentito una voce e nel secondo una risata che non c'erano, mi sono un po' preoccupata. Un'altro problema è che purtroppo sono timida, non eccessivamente, ma quando devo parlare con degli sconosciuti non riesco proprio a mantenere la calma. Qualche anno fa pensavo che alla mia età non avrei avuto questi problemi che, anche se non sono gravi, mi danno proprio fastidio. Avete qualche consiglio da darmi?
Giulia

Non aver avuto la possibilità di creare un rapporto stabile con i tuoi genitori ha detrminato, con probabilità, un vissuto di insicurezza ed di bassa autostima.Mi sembra che tu sia molto concentrata sul tuo vissuto, se sei triste e ci pensi diventi ancora più triste...molto tempo fa credevi di aver avuto dei fenomeni di allucinazione e oggi ne sei proccupata.Capisco quanto ti possano dare fastidio questi pensieri...ma in ogni caso c'è una cosa che ti deve rassicurare, sei consapevole di iventare cose che non esistono. Quello che ti consiglio è di valutare quanto un fenomeno sia oggettivo e di cercare il più possibile di restare ancorata a quello che accade realmente in quel posto in un determinato momento.Credo che tu ti senta sola e pensi che non ci sia nessuno che ti possa rassicurare, dire queste cose a qualcuno può aiutarti a vedere quello che ti accade con maggiore chiarezza. In bocca al lupo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

News Letters

0
condivisioni