Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

adolescenza (48863)

on . Postato in Adolescenza | Letto 153 volte

Giulia, 20anni (22.2.2002)

Volevo chiedervi un consiglio in quanto qualche volta accadono dei fatti che mi fanno un po' preoccupare, anche se forse la mia preoccupazione è infondata. Premetto che fin da piccola ho considerato i miei genitori abbastanza assenti, così che ora, soprattuto con mio padre, non ho un buon rapporto. Mio padre è prepotente, iperprotettivo e con lui non c'è dialogo. Comunque mi sono accorta che in certi momenti in cui sono particolarmente triste, comincio a pensare ossessivamente a qualcosa, di solito una cosa banale che mi è successa, o una frase che ha detto qualcuno, per esempio, e penso che sia la causa della mia tristezza, e più ci penso più mi deprimo. Spesso diventa una scenata di gelosia ingiustificata nei confronti del mio ragazzo, o comunque mi invento qualcosa che non c'è.
Ora ripensando che circa dieci anni fa sono successi due episodi in cui ho sentito una voce e nel secondo una risata che non c'erano, mi sono un po' preoccupata. Un'altro problema è che purtroppo sono timida, non eccessivamente, ma quando devo parlare con degli sconosciuti non riesco proprio a mantenere la calma. Qualche anno fa pensavo che alla mia età non avrei avuto questi problemi che, anche se non sono gravi, mi danno proprio fastidio. Avete qualche consiglio da darmi?
Giulia

Non aver avuto la possibilità di creare un rapporto stabile con i tuoi genitori ha detrminato, con probabilità, un vissuto di insicurezza ed di bassa autostima.Mi sembra che tu sia molto concentrata sul tuo vissuto, se sei triste e ci pensi diventi ancora più triste...molto tempo fa credevi di aver avuto dei fenomeni di allucinazione e oggi ne sei proccupata.Capisco quanto ti possano dare fastidio questi pensieri...ma in ogni caso c'è una cosa che ti deve rassicurare, sei consapevole di iventare cose che non esistono. Quello che ti consiglio è di valutare quanto un fenomeno sia oggettivo e di cercare il più possibile di restare ancorata a quello che accade realmente in quel posto in un determinato momento.Credo che tu ti senta sola e pensi che non ci sia nessuno che ti possa rassicurare, dire queste cose a qualcuno può aiutarti a vedere quello che ti accade con maggiore chiarezza. In bocca al lupo.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters