Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

adolescenza (48863)

on . Postato in Adolescenza | Letto 143 volte

Giulia, 20anni (22.2.2002)

Volevo chiedervi un consiglio in quanto qualche volta accadono dei fatti che mi fanno un po' preoccupare, anche se forse la mia preoccupazione è infondata. Premetto che fin da piccola ho considerato i miei genitori abbastanza assenti, così che ora, soprattuto con mio padre, non ho un buon rapporto. Mio padre è prepotente, iperprotettivo e con lui non c'è dialogo. Comunque mi sono accorta che in certi momenti in cui sono particolarmente triste, comincio a pensare ossessivamente a qualcosa, di solito una cosa banale che mi è successa, o una frase che ha detto qualcuno, per esempio, e penso che sia la causa della mia tristezza, e più ci penso più mi deprimo. Spesso diventa una scenata di gelosia ingiustificata nei confronti del mio ragazzo, o comunque mi invento qualcosa che non c'è.
Ora ripensando che circa dieci anni fa sono successi due episodi in cui ho sentito una voce e nel secondo una risata che non c'erano, mi sono un po' preoccupata. Un'altro problema è che purtroppo sono timida, non eccessivamente, ma quando devo parlare con degli sconosciuti non riesco proprio a mantenere la calma. Qualche anno fa pensavo che alla mia età non avrei avuto questi problemi che, anche se non sono gravi, mi danno proprio fastidio. Avete qualche consiglio da darmi?
Giulia

Non aver avuto la possibilità di creare un rapporto stabile con i tuoi genitori ha detrminato, con probabilità, un vissuto di insicurezza ed di bassa autostima.Mi sembra che tu sia molto concentrata sul tuo vissuto, se sei triste e ci pensi diventi ancora più triste...molto tempo fa credevi di aver avuto dei fenomeni di allucinazione e oggi ne sei proccupata.Capisco quanto ti possano dare fastidio questi pensieri...ma in ogni caso c'è una cosa che ti deve rassicurare, sei consapevole di iventare cose che non esistono. Quello che ti consiglio è di valutare quanto un fenomeno sia oggettivo e di cercare il più possibile di restare ancorata a quello che accade realmente in quel posto in un determinato momento.Credo che tu ti senta sola e pensi che non ci sia nessuno che ti possa rassicurare, dire queste cose a qualcuno può aiutarti a vedere quello che ti accade con maggiore chiarezza. In bocca al lupo.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una conc...

News Letters