Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

adolescenza e computer (48728)

on . Postato in Adolescenza | Letto 142 volte

Nora, 22anni (20.2.2002)

L'oggetto della mia richiesta è avere un consiglio su come i miei genitori dovrebbero affrontare il comportamento di mio fratello di cui le farò una sommaria analisi. età:14 anni, in regola con gli studi III media, con risultati suff. frequenta malvolentieri non ha mai avuto amicizie "costruttive", se si propongono le rifiuta, sottoposto a maltrattamenti dai compagni di scuola dai 5 ai 9 anni e successivamente a bullismo a 11 12 anni. non appoggiato dalle insegnanti minimamente. adesso frequenta ragazzi con disagio adol. più o meno forte. interessi: musica e computer, quasi una dipendenza. ultimamente è aggressivo con mia madre, prende soldi (dice che non li spende, è stato scoperto, i miei hanno cercato di responsabilizzarlo dal p.to di vista morale senza punirlo), frequenta internet point mentendo, passione per le chat fortissima. ha timore del padre (figura abbastanza autoritaria, ma con molti valori... spesso assente)dal p.to di vista fisico, anche se non ci sono mai state minacce fisiche. i miei genitori cosa devono fare? fargli sapere che sanno che lui mente? fare finta di niente? rivolgersi a qualcuno?

Gentile Nora, innanzi tutto, vorrei rassicurarla sul fatto che l’età dell’adolescenza è notoriamente un periodo di vita in cui si verifica un allontanamento dai genitori, con la relativa loro contestazione, che, a volte, si manifesta anche in modo violento. Questo fa parte di un cammino di crescita, in cui il ragazzo deve trovare la sua dimensione di valori, oltre che una sua ri-collocazione in famiglia.
D’altra parte, da quanto lei mi ha riferito, mi sembra suo fratello abbia avuto qualche difficoltà nel passato che, molto probabilmente, possa avere influito sul suo comportamento attuale.Circa la posizione dei suoi genitori, mi viene spontaneo domandarmi la motivazione di una richiesta da parte sua, a nome dei suoi genitori e non diretta, da parte loro. A tale proposito, mi sono chiesta come loro vivono la situazione e cosa pensano di suo fratello. Forse, prima di tutto, sarebbe bene che discuteste fra di voi, per cercare di chiarire tali aspetti. Penso che sia opportuno affrontare suo fratello, solo dopo aver chiarito i vostri rispettivi punti di vista.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e depressione (151012456…

Paolo, 26     Salve, da una settimanella a questa parte ho sviluppato una serie di sintomi apparentemente slegati (almeno secondo il medico) e qu...

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

News Letters