Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza e scuola (077934)

on . Postato in Adolescenza | Letto 143 volte

Giusi, 38 anni

La ringrazio anticipatamente dei consigli che potrà darmi. Sono Giusi, vivo a Milano e ho due figli uno di 14 e uno di 5. Ultimamente non so più che atteggiamento adottare soprattutto con il grande in merito alla scuola e a tutte le problematiche di questo periodo di crescita: studia, per me, molto poco (al massimo due ore) frequenta il liceo scentifico, anche se i risultati non sono male, spesso mi racconta che a scuola si annoia, è disordinato, bisogna ripatergli le cose tante volte prima che si decida a farle, in quanto a igiene personale assomiglia ad un gatto. Non so se sono io che vedo le cose più grandi di quelle che sono ma a volte sinceramente mi sento confusa e non riesco più a valutare l'IMPORTANTE da quello che non lo è. Vorrei anche stargli vicino in merito alle amicizie, i problemi vari che quest'età comporta, metterlo in guardia sui pericoli.... ma a volte ho il timore di essere invadente o addirittura di trasmettergli poca fiducia se non peggio farlo sentire ancora un bambino. Inoltre a volte, per come si comporta in casa soprattutto con il fratello, ho la sensazione che sia ancora immaturo per alcuni aspetti, come se non volesse crescere. Come fare? Grazie.

Il problema, in realtà, è trovare una giusta distanza con il figlio, perchè se si è troppo vicini si rischia di reprimere e non essere in grado di trasmettere fiducia, se si è troppo lontani si rischia il disinteresse. Questo problema può essere risolto con una pratica di ascolto attivo, un tipo di ascolto in sintonia, in empatia con i veri problemi adolescenziali, che sono problemi di orientamento nel mondo degli adulti e di ricerca di autonomia. Tramite l'ascolto empatico di può dare aiuto non interferendo troppo nel processo di crescita. Deve aspettare che suo figlio abbia voglia di confidarsi, di parlare di come si sente in certe circostanze e di come pensa di voler affrontare i problemi: così può infondere fiducia e stima nelle sue possibilità. Suo figlio deve scoprire le proprie risorse e sentirsi in grado di superare le difficoltà.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il decl...

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi ...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un og...

News Letters