Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza e scuola (077934)

on . Postato in Adolescenza | Letto 153 volte

Giusi, 38 anni

La ringrazio anticipatamente dei consigli che potrà darmi. Sono Giusi, vivo a Milano e ho due figli uno di 14 e uno di 5. Ultimamente non so più che atteggiamento adottare soprattutto con il grande in merito alla scuola e a tutte le problematiche di questo periodo di crescita: studia, per me, molto poco (al massimo due ore) frequenta il liceo scentifico, anche se i risultati non sono male, spesso mi racconta che a scuola si annoia, è disordinato, bisogna ripatergli le cose tante volte prima che si decida a farle, in quanto a igiene personale assomiglia ad un gatto. Non so se sono io che vedo le cose più grandi di quelle che sono ma a volte sinceramente mi sento confusa e non riesco più a valutare l'IMPORTANTE da quello che non lo è. Vorrei anche stargli vicino in merito alle amicizie, i problemi vari che quest'età comporta, metterlo in guardia sui pericoli.... ma a volte ho il timore di essere invadente o addirittura di trasmettergli poca fiducia se non peggio farlo sentire ancora un bambino. Inoltre a volte, per come si comporta in casa soprattutto con il fratello, ho la sensazione che sia ancora immaturo per alcuni aspetti, come se non volesse crescere. Come fare? Grazie.

Il problema, in realtà, è trovare una giusta distanza con il figlio, perchè se si è troppo vicini si rischia di reprimere e non essere in grado di trasmettere fiducia, se si è troppo lontani si rischia il disinteresse. Questo problema può essere risolto con una pratica di ascolto attivo, un tipo di ascolto in sintonia, in empatia con i veri problemi adolescenziali, che sono problemi di orientamento nel mondo degli adulti e di ricerca di autonomia. Tramite l'ascolto empatico di può dare aiuto non interferendo troppo nel processo di crescita. Deve aspettare che suo figlio abbia voglia di confidarsi, di parlare di come si sente in certe circostanze e di come pensa di voler affrontare i problemi: così può infondere fiducia e stima nelle sue possibilità. Suo figlio deve scoprire le proprie risorse e sentirsi in grado di superare le difficoltà.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters