Pubblicità

Adolescenza e separazione (148808)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 354 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna, 40

Buongiorno,
ho una figlia di 15 anni, mi sono separata dal padre quando lei ne aveva 3, abbiamo scelto l'affidamento congiunto e lei è sempre stata un pò con lui e un pò con me a giorni alterni più o meno. Adesso il padre abita un pò fuori città e ha un'altra famiglia ma pretende comunque che le cose non cambino e che mia figlia continui ad andarci come sempre. Lei invece non vorrebbe più andarci perchè non ne può più di "viaggiare con la valigia". Oltre a questo soffre nel vedere la nuova famiglia del padre, in cui c'è un'altra figlia che vive felice e contenta con una famiglia "normale", che lei non ha avuto. Premetto che lui è stato libero e tutto suo per tanti anni prima di riaccompagnarsi, quindi loro avevano un bellissimo rapporto, erano molto uniti e lei stravedeva per lui. Adesso dice che lui ha la sua famiglia felice e lei si sente solo un'intrusa. Soffre molto, lui ovviamente non se ne accorge e l'unica cosa che le chiede è di andarci più spesso visto che lei ha cominciato a diradare. Non so se assecondare la sua richiesta di non andarci più. E non so cosa dirle per farla soffrire meno.

Gentile Anna,
è comprensibile che Sua figlia, dopo tanti anni "con la valigia" e nella fase dell'adolescenza in cui desidera avvicinarsi al gruppo dei pari e allontanarsi dalla famiglia per trovare la propria identità e indipendenza, abbia questo rifiuto verso le visite al padre. Si aggiunge oltretutto la sofferenza nel vedere nella casa paterna la famiglia che ha da sempre desiderato e in cui pare non si senta completamente accettata ed integrata. Il fatto che Lei comprenda i vissuti e le motivazioni di Sua figlia è un presupposto importante perchè la ragazza possa esprimersi e sentirsi amata. Tuttavia, la questione riguarda la relazione che vive con il padre e la sua nuova famiglia. Dal momento che mi pare di intuire che ci sia con il suo ex marito dialogo e collaborazione, Le suggerirei di parlare chiaramente con lui della questione e di aiutarlo a ricostruire un rapporto con la figlia, che da adolescente e giovane donna, ha bisogno di diverse attenzioni e atteggiamenti rispetto al passato. Gli faccia intendere il grave errore che commetterebbe se "lasciasse andare" sua figlia e se non ascoltasse la richiesta silente di dimostrazioni di affetto che la ragazza sta manifestando. Se per lei fosse difficile comunicare con il suo ex marito, faccia un piccolo sforzo, è per il bene di vostra figlia. Non preoccupatevi per la quantità degli incontri e lasciate alla ragazza un margine per scegliere cosa desidera fare. Sarà la qualità del tempo trascorso insieme al padre che Le permetterà di avere nuova fiducia in lui e di sentirsi pari alla "sorellastra".
Disponibile per qualsiasi altra informazione, porgo distinti saluti.

 

(Risponde la Dott.ssa Dongiovanni Filomena)

Pubblicato in data 09/05/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

News Letters

0
condivisioni