Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza e separazione (148808)

on . Postato in Adolescenza | Letto 218 volte


Anna, 40

Buongiorno,
ho una figlia di 15 anni, mi sono separata dal padre quando lei ne aveva 3, abbiamo scelto l'affidamento congiunto e lei è sempre stata un pò con lui e un pò con me a giorni alterni più o meno. Adesso il padre abita un pò fuori città e ha un'altra famiglia ma pretende comunque che le cose non cambino e che mia figlia continui ad andarci come sempre. Lei invece non vorrebbe più andarci perchè non ne può più di "viaggiare con la valigia". Oltre a questo soffre nel vedere la nuova famiglia del padre, in cui c'è un'altra figlia che vive felice e contenta con una famiglia "normale", che lei non ha avuto. Premetto che lui è stato libero e tutto suo per tanti anni prima di riaccompagnarsi, quindi loro avevano un bellissimo rapporto, erano molto uniti e lei stravedeva per lui. Adesso dice che lui ha la sua famiglia felice e lei si sente solo un'intrusa. Soffre molto, lui ovviamente non se ne accorge e l'unica cosa che le chiede è di andarci più spesso visto che lei ha cominciato a diradare. Non so se assecondare la sua richiesta di non andarci più. E non so cosa dirle per farla soffrire meno.

Gentile Anna,
è comprensibile che Sua figlia, dopo tanti anni "con la valigia" e nella fase dell'adolescenza in cui desidera avvicinarsi al gruppo dei pari e allontanarsi dalla famiglia per trovare la propria identità e indipendenza, abbia questo rifiuto verso le visite al padre. Si aggiunge oltretutto la sofferenza nel vedere nella casa paterna la famiglia che ha da sempre desiderato e in cui pare non si senta completamente accettata ed integrata. Il fatto che Lei comprenda i vissuti e le motivazioni di Sua figlia è un presupposto importante perchè la ragazza possa esprimersi e sentirsi amata. Tuttavia, la questione riguarda la relazione che vive con il padre e la sua nuova famiglia. Dal momento che mi pare di intuire che ci sia con il suo ex marito dialogo e collaborazione, Le suggerirei di parlare chiaramente con lui della questione e di aiutarlo a ricostruire un rapporto con la figlia, che da adolescente e giovane donna, ha bisogno di diverse attenzioni e atteggiamenti rispetto al passato. Gli faccia intendere il grave errore che commetterebbe se "lasciasse andare" sua figlia e se non ascoltasse la richiesta silente di dimostrazioni di affetto che la ragazza sta manifestando. Se per lei fosse difficile comunicare con il suo ex marito, faccia un piccolo sforzo, è per il bene di vostra figlia. Non preoccupatevi per la quantità degli incontri e lasciate alla ragazza un margine per scegliere cosa desidera fare. Sarà la qualità del tempo trascorso insieme al padre che Le permetterà di avere nuova fiducia in lui e di sentirsi pari alla "sorellastra".
Disponibile per qualsiasi altra informazione, porgo distinti saluti.

 

(Risponde la Dott.ssa Dongiovanni Filomena)

Pubblicato in data 09/05/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

News Letters