Pubblicità

Adolescenza o depressione (145626)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 275 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessia 18

Salve, ho pensato di rivolgermi a questo sito perchè penso di non essere in grado di parlare con una persona competente. Premetto di essere una ragazza molto timida e riservata, ma questo sin da piccola. I miei genitori sono separati da alcuni anni ma ho sempre avuto un rapporto saltuario con mio padre mentre mi sono sempre caricata emotivamente dei problemi di mia madre, percependoli come miei in quanto la figlia maggiore. Il rapporto con mia madre è sempre stato problematico e con lei mi sono chiusa del tutto percependola coma una persona con cui sono costretta a vivere. Ci parliamo o vediamo raramente e non so perchè siamo arrivate a tanto ma sin da piccola sono sempre stata giudicata da lei, ha sempre avuto una parola "cattiva" su di me, talvolta anche umiliandomi di fronte agli altri. Anche se devo dire che non gliene dò la colpa, in quanto nella sua vita non ha fatto altro che soffrire per via dei suoi genitori, di problemi alimentari e degli uomini. Insomma, questa situazione di rabbia e non voglia di vivere mi ha portato ad avere sempre meno amici, e quelli che ho spesso non mi accettano per quello che sono. Mi ritengo egoista e anche molto opportunista. Incapace di godermi la vita, e incapace di gioire per la felicità altrui e incapace di non preoccuparmi per ogni cosa. Sto sempre sola a pensare, cadendo nella noia più profonda, incapace di relazionarmi in modo sano agli altri e di fare nuove amicizie.Ogni giorno penso al suicidio e lo trovo l'unico modo per far si che gli altri si accorgano della mia sofferenza. Sofferenza che per altro per me è difficile descrivere, sofferenza per non avere nessuno che mi capisca, nessun amico, nessuna relazione sociale, sofferenza perchè sono consapevole di essere diversa dagli altri. Inoltre, ultimamente mi ha lasciato anche il mio fidanzato e questo mi dà un dolore immenso che non so come superare. Ho paura di non poterne uscire piu. Ho paura che questo mio male di vivere pregiudichi le mie relazione future di ogni tipo, addirittura ho paura di non essere in grado di essere una buona madre per i miei figli, ho paura di farli soffrire come sto facendo io.

Salve Alessia, quello che scrivi non è facile ricondurlo solo all'adolescenza o alla depressione. Da ciò che hai riportato emergerebbe un rapporto conflittuale con la figura materna. E' importante che impari a riprendere il tuo ruolo di figlia e a dare ai tuoi quello di genitori. Il pensare troppo a volte porta a rimuginare, cerca di trovare degli spazi tuoi, nei quali agisci in prima persona. E' importante che ti faccia aiutare a superare questo momento, anche se all'inizio sarà difficile è importante che impari a concentrarti e a dare soddisfazione ai tuoi bisogni. In bocca al lupo

(Risponde il Dott.ssa Francesca Iacobelli)

Pubblicato in data 08/07/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

News Letters

0
condivisioni