Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Aggressività (145902)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 282 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ginevra 20

Salve,ho un problema. Sono passati 17 anni da quando è nato mio fratello ma io non ho ancora superato la gelosia nei suoi confronti. Appena era nato cercavo in tutti i modi di fargli male,mordendogli le dita delle mani,schiacciandogli la "fontanella" sulla testa...ed ancora oggi non riesco a superare questa cosa. Mia mamma non fa niente per evitare questo,anzi. Io ho sempre cercato di essere una brava figlia, non ho mai creato problemi, ho sempre avuto successo in tutto quello che faccio e che ho fatto. Vado bene a scuola, aiuto in casa, cerco in tutti i modi di guadagnarmi almeno i soldi per uscire in modo da non doverne chiedere ai miei genitori. Mio fratello invece è riuscito a farsi bocciare per tre anni di fila, continua a creare problemi creando risse in giro, facendosi dare multe su multe, continua a chiedere i soldi ai miei e mia mamma lo asseconda sempre, appena mio fratello chiede qualcosa lei corre a farlo, gli hanno regalato una moto per il compleanno, non lo sgrida mai, quando combina qualcosa non dice niente. Mio papà (l'unico che mi dà un pò di supporto in caso di liti famigliari) è via quasi tutta la settimana per motivi di lavoro ed io mi ritrovo sempre in casa da sola con mia mamma e mio fratello che mi fanno sentire la deficiente di turno. Io sono preoccupata perchè ultimamente quando mi arrabbio con mio fratello non riesco a controllare la rabbia. Una sera a cena, dopo avergli chiesto continuamente di smetterla di darmi pizzicotti, gli ho tirato una coltellata nel braccio e naturalmente mia mamma ha sgridato me, e qualche giorno fa sono andata fuori di testa, in quel momento volevo veramente ucciderlo, l'ho morsicato e gli ho quasi staccato la carne. Io so che sono reazioni veramente esagerate, ma in quei momenti non riesco a controllarmi. Ho paura che questi miei momenti di aggressività possano spostarsi anche su altre persone, non solo su mio fratello, la mia capacità di autocontrollo stà scemando giorno dopo giorno.

 

Gentilissima Ginevra, la rabbia è un'emozione complessa, fatta di impotenza e dolore o paura. Per quanto spiacevoli siano le sensazioni e le "conseguenze relazionali" che ad essa si accompagnano, è comunque importante imparare ad ascoltarla prima di poterla gestire adeguatamente.
Ascoltare la rabbia non significa cedere agli automatismi aggressivi, significa iniziare un percorso per lo sviluppo di una capacità di attenzione e consapevolezza delle proprie emozioni e dei propri bisogni. Significa anche iniziare a concedersi un'autoriconoscimento (anzichè continuare a cercare la stima e l'approvazione all'esterno).
Qualunque successo tu possa ottenere sembra non gratificarti abbastanza da regalarti un pò di pace. In quest'ottica potrebbe esserti utile, per recuperare un pò di autocontrollo, un percorso che ti aiuti a "centrarti" e ad osservare i tuoi stati d'animo da un punto di maggiore autonomia.

(Risponde la Dott.ssa Laura Bongiorno)

Pubblicato in data 9/12/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Crescita personaleper saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni