Pubblicità

Alimentazione (116412)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 300 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Aurora 17

Salve, non ho la possibilità di avere un parere di uno psicologo personalmente e ho deciso di scrivere su questo sito. Io ho problemi per quanto riguarda l'alimentazione. Sono alta circa 1,55 e peso 58 Kg, ho una 5° di seno. Sono ossessionata dal mio corpo, mi peso ogni mattina e sto attentissima ad ogni singola cosa che mangio, controllo regolarmente le smagliature che mi sono venute con la crescita e, da quando ho iniziato a prendere la pillola anticoncezionale, vedo cellulite ovunque ed uso 1000 prodotti diversi per cercare di ridurla. Sono perennemente a dieta, ma quando sono nervosa, mi annoio o qualcosa va storto mi abbuffo, per poi sentirmi terribilmente in colpa e, di conseguenza, salto qualche pasto per "recuperare". Per i vestiti non ne parliamo, ogni mattina è una tragedia nel trovare qualcosa che copra pancia e seno. Prima mi andavano bene le coscie ed il sedere, ma da quando prendo la pillola mi sembrano il doppio di prima. L'inverno passa coprendosi, ma d'estate tutto peggiora a dismisura. Le magliette son più leggere e si vede la pancia, i pantaloncini corti, per poi arrivare al costume. Ogni estate arrivo in spiaggia vestita e resto così fin quando non è ora di andare in acqua, poi se c'è da tornare su mi faccio portare l'asciugamano vicino alla riva e se c'è da tornare su per 1 minuto non ci vado. Ho problemi a farmi vedere anche solo in intimo dal mio ragazzo. Volevo un parere di qualche esperto per valutare la mia situazione, perchè io così non sto bene ma non trovo rimedio, e le parole della gente, "Non sei grassa", non contano nulla. Io mi vedo enorme. Grazie per essere arrivati a leggere fino alla fine. Un bacio.

Cara Aurora, perchè non avrei dovuto leggere fino in fondo la tua lettera? Pensi di essere noiosa o semplicemente sei dentro ad un vortice di pensieri quasi ossessivi per cui ti sembra di aver annoiato "il mondo" con questo tuo problema? Io penso che tu sia arrivata ad un punto cruciale della tua situazione, non ce la fai più ed hai bisogno di qualcuno che ti possa aiutare a vedere il reale problema. So che l'essere seguiti in una psicoterapia può essere dispendioso sia economicamente che come disponibilità di tempo, ma non dimentichiamoci che esistono le ASL. Sei giovane e puoi cominciare a bloccare e cogliere questi aspetti ansiosi che ti stanno rendendo difficile vivere come le tue coetanee (il pesarti ossessivamente non fa altro che acutizzare il problema con il tuo corpo). Le ossessioni del dover trovare tutti questi escamotage per non mostrare il tuo corpo non si risolveranno se non entri al centro del problema. Molte volte noi parliamo di abbuffate e di metodi di compensazione come il digiuno, il vomito o l'eccessivo sforzo fisico per mantenere il nostro "peso ideale", ma quì stiamo parlando di un problema un po' più complesso e allora ti chiedo: sei sicura che dimagrendo arriverai mai al tuo peso ideale? Tu parli di non riuscire a vederti con occhi realistici perchè continui a vederti "enorme" e allora, soffermati a riflettere su questo, potresti mai vederti magra? Naturalmente le mie domande sono retoriche le risposte le hai già dentro di te, ma forse dovresti farti aiutare da qualcuno a tirarle fuori. Cordiali saluti.

(risponde la Dott.ssa Mara Micheli)

Pubblicato in data 02/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

News Letters

0
condivisioni