Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Amicizia (080996)

on . Postato in Adolescenza | Letto 204 volte

Amy, 14 anni

Sono una ragazza di quasi 15 anni, mi ritengo una persona matura, ho rapporti abbastanza buoni con la mia famiglia anche se non parlo molto con loro, sopratutto dei miei problemi. A scuola ho dei bei voti e potrei essere definita una ragazza "normale" da chi non mi conosce, ma io sento di essere diversa perchè vivo diversamente dalle altre ragazze della mia età e ho anche molta personalità,che però spesso non riesco a tirare fuori per un lato insicuro del mio carattere e perchè vorrei che qualcuno si sforzasse di andare oltre le apparenze per capire chi sono e cosa valgo davvero. Non ho molti amici perchè ho difficoltà a fidarmi delle persone e forse pretendo sempre un pò troppo dagli altri.
Di tutti i miei problemi non parlo mai con nessuno sia perchè penso che a nessuno interessino sia perchè penso che nessuno mi capirebbe.Così spesso mi sento sola e quando ho dei problemi devo sempre trovare la forza solo in me stessa e spesso è difficile. Gli altri invece si fidano di me e mi confidano i loro problemi perchè io sono sempre pronta ad ascoltare e mi preoccupo sempre anche per tutto quello che non riguarda me in prima persona. In questo momento nella mia vita c'è solo un'amica che è davvero importante per me, io penso sempre a lei ma da quando abbiamo litigato non parliamo quasi mai e io nonostante le voglia molto bene ho difficoltà a riavvicinarmi , perchè ho avuto molte esperienze negative con persone a cui tenevo ed ora sono molto diffidente. Abbiamo litigato perchè io credevo che lei non ci tenesse a me e così ho legato con altre persone e a lei questo non è andato giù, ma io mi sono sentita una ruota di scorta. Ci sto troppo male a non dimostrarle il mio affetto, ma la mia razionalità e il mio orgoglio mi bloccano...che devo fare? Vi prego aiutatemi,non so a chi altro rivolgermi!
Grazie

Se, come scrivi, la razionalità e l'orgoglio ti bloccano nel ricercare il dialogo con la tua amica, forse potresti cercare di capire che in questo modo ti stai negando la possibilità di capire meglio che cosa è successo.
Credo che soltanto dal confronto e dal superamento della diffidenza, puoi maturare la tua parte relazionale e ritrovare la socialità che serve per crescere. E' una prova che hai di fronte: vincere ogni timore e chiusura che ti impediscono di ritrovare il dialogo e i sentimenti di vicinanza. Affidati di più alle tue emozioni, al bisogno di stare con gli altri. Quando l'orgoglio ci costruisce un muro che ci separa dagli altri, occorre abbatterlo per sentirsi meglio.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

News Letters