Pubblicità

Amicizia (080996)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 272 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Amy, 14 anni

Sono una ragazza di quasi 15 anni, mi ritengo una persona matura, ho rapporti abbastanza buoni con la mia famiglia anche se non parlo molto con loro, sopratutto dei miei problemi. A scuola ho dei bei voti e potrei essere definita una ragazza "normale" da chi non mi conosce, ma io sento di essere diversa perchè vivo diversamente dalle altre ragazze della mia età e ho anche molta personalità,che però spesso non riesco a tirare fuori per un lato insicuro del mio carattere e perchè vorrei che qualcuno si sforzasse di andare oltre le apparenze per capire chi sono e cosa valgo davvero. Non ho molti amici perchè ho difficoltà a fidarmi delle persone e forse pretendo sempre un pò troppo dagli altri.
Di tutti i miei problemi non parlo mai con nessuno sia perchè penso che a nessuno interessino sia perchè penso che nessuno mi capirebbe.Così spesso mi sento sola e quando ho dei problemi devo sempre trovare la forza solo in me stessa e spesso è difficile. Gli altri invece si fidano di me e mi confidano i loro problemi perchè io sono sempre pronta ad ascoltare e mi preoccupo sempre anche per tutto quello che non riguarda me in prima persona. In questo momento nella mia vita c'è solo un'amica che è davvero importante per me, io penso sempre a lei ma da quando abbiamo litigato non parliamo quasi mai e io nonostante le voglia molto bene ho difficoltà a riavvicinarmi , perchè ho avuto molte esperienze negative con persone a cui tenevo ed ora sono molto diffidente. Abbiamo litigato perchè io credevo che lei non ci tenesse a me e così ho legato con altre persone e a lei questo non è andato giù, ma io mi sono sentita una ruota di scorta. Ci sto troppo male a non dimostrarle il mio affetto, ma la mia razionalità e il mio orgoglio mi bloccano...che devo fare? Vi prego aiutatemi,non so a chi altro rivolgermi!
Grazie

Se, come scrivi, la razionalità e l'orgoglio ti bloccano nel ricercare il dialogo con la tua amica, forse potresti cercare di capire che in questo modo ti stai negando la possibilità di capire meglio che cosa è successo.
Credo che soltanto dal confronto e dal superamento della diffidenza, puoi maturare la tua parte relazionale e ritrovare la socialità che serve per crescere. E' una prova che hai di fronte: vincere ogni timore e chiusura che ti impediscono di ritrovare il dialogo e i sentimenti di vicinanza. Affidati di più alle tue emozioni, al bisogno di stare con gli altri. Quando l'orgoglio ci costruisce un muro che ci separa dagli altri, occorre abbatterlo per sentirsi meglio.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters

0
condivisioni