Pubblicità

Amicizia (080996)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 287 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Amy, 14 anni

Sono una ragazza di quasi 15 anni, mi ritengo una persona matura, ho rapporti abbastanza buoni con la mia famiglia anche se non parlo molto con loro, sopratutto dei miei problemi. A scuola ho dei bei voti e potrei essere definita una ragazza "normale" da chi non mi conosce, ma io sento di essere diversa perchè vivo diversamente dalle altre ragazze della mia età e ho anche molta personalità,che però spesso non riesco a tirare fuori per un lato insicuro del mio carattere e perchè vorrei che qualcuno si sforzasse di andare oltre le apparenze per capire chi sono e cosa valgo davvero. Non ho molti amici perchè ho difficoltà a fidarmi delle persone e forse pretendo sempre un pò troppo dagli altri.
Di tutti i miei problemi non parlo mai con nessuno sia perchè penso che a nessuno interessino sia perchè penso che nessuno mi capirebbe.Così spesso mi sento sola e quando ho dei problemi devo sempre trovare la forza solo in me stessa e spesso è difficile. Gli altri invece si fidano di me e mi confidano i loro problemi perchè io sono sempre pronta ad ascoltare e mi preoccupo sempre anche per tutto quello che non riguarda me in prima persona. In questo momento nella mia vita c'è solo un'amica che è davvero importante per me, io penso sempre a lei ma da quando abbiamo litigato non parliamo quasi mai e io nonostante le voglia molto bene ho difficoltà a riavvicinarmi , perchè ho avuto molte esperienze negative con persone a cui tenevo ed ora sono molto diffidente. Abbiamo litigato perchè io credevo che lei non ci tenesse a me e così ho legato con altre persone e a lei questo non è andato giù, ma io mi sono sentita una ruota di scorta. Ci sto troppo male a non dimostrarle il mio affetto, ma la mia razionalità e il mio orgoglio mi bloccano...che devo fare? Vi prego aiutatemi,non so a chi altro rivolgermi!
Grazie

Se, come scrivi, la razionalità e l'orgoglio ti bloccano nel ricercare il dialogo con la tua amica, forse potresti cercare di capire che in questo modo ti stai negando la possibilità di capire meglio che cosa è successo.
Credo che soltanto dal confronto e dal superamento della diffidenza, puoi maturare la tua parte relazionale e ritrovare la socialità che serve per crescere. E' una prova che hai di fronte: vincere ogni timore e chiusura che ti impediscono di ritrovare il dialogo e i sentimenti di vicinanza. Affidati di più alle tue emozioni, al bisogno di stare con gli altri. Quando l'orgoglio ci costruisce un muro che ci separa dagli altri, occorre abbatterlo per sentirsi meglio.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni