Pubblicità

Autolesionismo (154403)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 244 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


Valentina,18


Salve! Mi sto rendendo conto negli ultimi tempi di aver dei problemi da risolvere, ma non ho i soldi e il tempo necessario per rivolgermi a un vero psicologo quindi ho deciso di rivolgermi a questo sito.
Ho dei problemi di autostima dalle medie, quando dei ragazzi mi prendevano in giro dicendomi che ero brutta, e da quel momento non mi sono mai definita bella e anche se molti amici me lo dicevano a volte non ho mai creduto che lo pensassero davvero. Inoltre il fatto che avevo delle amiche davvero belle non mi aiutava molto, perchè ogni giorno avevano un nuovo fidanzato e quando uscivo con loro, risultavo sempre invisibile perchè i ragazzi guardavano solo loro.
Ad ogni modo, ho sempre cercato di nascondere questa mia insicurezza, buttandomi a capofitto nella scuola e cercando di ottenere ottimi voti e compensare con l'intelligenza.
Sono anche molto timida, ed è sempre stato difficile fare amicizie con persone nuove e mi è anche capitato, varie volte, di perdere amiche e trovarne altre ma nessuna amicizia è durata per più di uno o due anni.
Quest'anno a maggio penso di aver toccato il fondo. Avevo litigato in "modo serio" con una mia amica molto cara, ed ero molto arrabbiata e confusa e mi sono tagliata. Era strano ma mi ha fatto sentire bene. La secondo volta è avvenuta qualche settimana dopo perchè avevo litigato con un'altra mia amica. La terza per via dello stress dovuto alla scuola, così come le altre due volte.
Non so come sia arrivata a questo punto, ma sento di non riuscire a controllarmi: ogni volta che mi arrabbio o sono triste ho l'impulso di tagliarmi.
Sento di non avere più il controllo della mia vita e dei rapporti che ho con le persone. L' unica persona a cui ne ho parlato è una ragazza che ho conosciuto su internet, mentre la mia famiglia e le mie amiche più care non sanno niente ma più di una volta hanno notato i tagli ma penso che non abbiano mai pensato che mi tagliavo.
Vorrei sapere sul serio il parere di un esperto perchè so che in situazioni come queste è importante chiedere aiuto.

Grazie.


Cara Valentina, hai fatto proprio bene a chiedere aiuto. Come dici è importante riconoscere subito questi eventi come sintomi di un disagio psicologico. Ti suggerisco di parlarne con i tuoi genitori o con delle persone adulte di cui ti fidi. Non c'è nulla di cui vergognarsi.  Puoi rivolgerti ad un consultorio giovanile o al servizio ospedaliero del tuo distretto che ti metterà a disposizione gratuitamente uno psicologo o uno psicoterapeuta che possa seguirti per un certo periodo. Questi sintomi non devono essere sottovalutati, quindi trova il coraggio e riprendi in mano la tua vita.
Buona fortuna!

(Risponde la Dott.ssa Anna La Guzza)

Pubblicato in data 23/03/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni