Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Autolesionismo (15961)

on . Postato in Adolescenza | Letto 132 volte

Michele 17

Salve, c'è una mia amica di 16 anni, che purtroppo ha incominciato a tagliarsi le braccia con una lametta!....mi ha detto che si taglia e non riesce a smettere, ne sente il bisogno come mangiare!......lei ha incominciato a tagliarsi a novembre 2005.....dice che ultimamente è cresciuto in lei questo suo lato oscuro di autodistruzione !...io le ho chiesto perchè lo faceva, perchè nella sua vita andava tutto bene, e lei mi ha detto: che il problema non sono gli altri, ma è lei stessa, perchè si odia, ha pochissima autostima, non ha soddisfazioni..etc...Lei non si taglia piu' da 3 giorni, perchè di fatto il suo ragazzo la sta obbligando a smettere, pero' ieri si è fatta un piccolo taglietto...questo secondo me vorrebbe dire che ne sente ancora il bisogno, cosa che mi ha confermato anche lei.....non riesco a capire la motivazione precisa per cui lei ha incominciato a tagliarsi....quando glie l'ho chiesto lei mi ha detto: non puoi capirlo, puoi capirlo soltanto se la passi questa cosa !....poi le ho detto: si ma se ti odi ci sara' un motivo, qualcosa dentro di te che ti fara odiare..qualcosa ci sara', e lei mi ha risposto male dicendomi che comunque non devo saperlo!...io sono convinto che una motivazione di fondo c'è.....ma non me la vuole dire !....Ho pensato di dirlo ai suoi genitori(con i suoi genitori mi sembra che vada daccordo e mi sembrano dei buoni genitori), ma lei non vuole assolutamente e si è anche arrabbiata parecchio quando pensavo di dirlo ai suoi, mi ha detto anche che si taglierebbe il triplo se lo dicessi ai suoi..non so come aiutarla..le ho consigliato uno psicologo, e lei mi ha detto che non fa per lei, perchè conosce una ragazza che ha il suo stesso problema, e ogni volta che finiva la seduta si tagliava piu' di prima, e lei ha paura che le succeda la stessa cosa, inoltre ultimamente ascolta gruppi giapponesi super-dark, ho letto i testi di questi gruppi, e parlano di morte, miseria, disperazione, noia, induzione all'autolesionismo e induzione al suicidio ! La cosa piu' grave è che lei spesso si ritrova in questi testi, sembra quasi che condivide quello che scrivono!....non vorrei che in minima parte si fosse fatta influenzare anche da loro...anche perchè lei la prima volta che ha visto una ragazza tagliarsi era a scuola.. le ho fatto una domanda ben specifica....le ho detto: ma se non avessi visto questa tua compagna di classe tagliarsi, ti sarebbe venuto in mente lo stesso di fare' cio' ? E lei mi ha risposto dicendomi: "non lo so, questo non lo posso sapere, se non mi fossi tagliata, probabilmente mi sarei ubriacata tanto"...cosi' mi ha risposto.....non credo proprio lo faccia per "hobby", almeno penso, penso che una motivazione di fondo ce l'abbia ma non me la vuole dire.....lei sa che ha sbagliato a tagliarsi, lo ammette, e sta tentando di smettere, ma non so se da sola ci riuscira'......lei dice che vuole smettere da sola, rifiuta qualsiasi tipo di aiuto, come lo psicologo, il dirlo ai suoi genitori, .....per lei gia' è difficile anche solo parlarne, perchè tutte le volte che glie ne parlo è seccata, o tenta di evitare il discorso... lei banalizza questa cosa che ha fatto dicendo che ha sbagliato ma che è sicura (anche se ne sente ancora il bisogno) ed è obbligata a non farlo piu'!.Io pero' non so se da sola ci riuscira', e per evitare che la situazione degeneri, mi rivolgo a voi esperti....cosa devo fare ? Aiutatemi! grazie

Gentile Michele,la questione che espone in questa mail è molto complessa, immagino quanto sia difficile per lei gestire da un punto di vista emotivo una situazione simile. Sarebbe opportuno rivolgersi di persona ad un esperto. Comprendo che deve essere difficile convincere la sua amica a chiedere aiuto, ma d'altra parte senza una sua reale motivazione ogni intrevento rischia di diventare fallimentare. magari può provare a consigliarle di inviare una mail in nprima persona e inziare in questo modo una lenta ma graduale presa di coscienza del problema. purtroppo nessuno può sostituirsi a lei.

(risponde la dott.ssa Tiziana Liccardo)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

News Letters