Pubblicità

Autostima (136761)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 233 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca 17

Ho pochissima fiducia in me stessa. Fino ad un paio di anni fa credevo di essere perfetta: bella, intelligente, simpatica; ma a un tratto tutte le mie convinzioni sono cadute, si sono frantumate, e sono diventata competamente insicura su tutto. Sto diventando paranoica: non ho fiducia nelle persone e cerco sempre di vedere la parte brutta che è dentro di loro, anche se fanno delle cose buone. Il mio aspetto è piacevole e non poco, ma sto male se vedo qualcuna che potrebbe essere migliore di me.

Non ho un'amica con cui confidarmi, una sorella o nessun'altro. Il mio ragazzo cerca di aiutarmi ma non sa cosa fare e quindi peggiora sole le cose. Forse non sarà molto importante quello che ho scritto ma vorrei qualche consiglio, perchè penso che se non ne esco ora non ne esco più. Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Cara Francesca, in quello che scrivi c’è un tono angosciato e tragico. Sicuramente nella tua vita c’è molta angoscia, un tormento continuo. C’è in te, una profonda insicurezza e svalutazione. Addirittura ci dici che forse quello che hai scritto “non è molto importante”. Come fai a dire che non è importante? E’ ciò che senti, ciò che vivi quotidianamente, che ti tormenta giorno e notte! Ciò che ti riguarda, è importante! Se vuoi che gli altri apprezzino le tue cose, devi apprezzarle tu per prima, essere consapevole di ciò che hai, invece di denigrarlo. Da quanto racconti si evince che nella tua vita c’è molta paura e di conseguenza il forte bisogno di tenere tutto sotto controllo, di proteggerti, ecco infatti che sei lì a spiare le parti buone e brutte degli altri, manifeste o nascoste, reali o supposte. Vivi in un labirinto, fatto di un pensiero ripetitivo e persecutorio, che non ti permette di stare, di vivere, di essere, esattamente ciò che sei. Tutto ciò, ti rende anche molto sola, senza un’amica o una confidenze e incompresa dal ragazzo, che non trova la strada per aiutarti. Spetta a te farti raggiungere dagli altri, devi rischiare e provare ad avere fiducia, prima di tutto in te e poi negli altri. Sarebbe anche importante capire cos’è successo due anni fa, quando sei passata da un’estrema sicurezza o ciò che appariva tale, ad un’estrema insicurezza ed instabilità. Forse all’esterno non è capitato niente di significativo, ma evidentemente nel tuo mondo interno qualcosa è successo, si è incrinata l’immagine scintillante che avevi di te stessa che ti ha fatto vacillare prepotentemente. E’ importante Francesca, che cominci a mettere ordine e a comprendere cosa si muove nel tuo interno, per poter sostenere le parti più fragili di te e farle crescere. Finchè sei rivolta all’esterno, ai confronti, alle valutazioni, ai giudizi, allora sarai presa in un circolo vizioso. Non temere, sei molto giovane e sei nella fase evolutiva più disorientante della vita, l’adolescenza! Hai tutto il tempo ed il modo di uscirne, se lo vuoi e ti dai da fare. Occorre tempo ed energia rivolta a te e al cambiamento. Buon lavoro!

 

(Risponde la Dott.ssa Sabrina Costantini)

 

Pubblicato in data 11/08/09

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni