Pubblicità

Balbuzie, blocchi quando parlo (1500032926497)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 841 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Prince, 17

 

domanda

 

 

Salve mi chiamo P. K., ho 17 anni e sono nato qui in italia, sono di origine indiana, mio padre è qui in italia da 30 anni, invece mia madre da 20 anni, da quasi 1 anno che ho il problema di balbettare.. tipo quando parlo mi vengono blocchi e non riesco a parlare.. con gli amici e compagni di classe parlo normalmente, però tipo quando devo parlare col pediatra, quand devo parlare con un barista o quando devo parlare al telefono con sconosciuti inizio a balbettare tanto, non sò perchè, poi ho ansia di fare tutte le cose non so perchè, tipo quando devo fare un lavoro ho ansia, quando devo parlare con qualcuno ho ansia.. non riesco a risolvere questo problema della balbuzia.. prima parlavo benissimo.. ma ora ho sempre in mente sta balbuzia che mi da ansia e depressione...

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Caro Prince,

La balbuzie è un’alterazione del flusso verbale caratterizzata da inibizione e interruzioni dell'eloquio, che spesso rappresenta il sintomo principale di un disturbo che rende il soggetto evitante le occasioni di scambio verbale che potrebberlo metterlo a disagio. Di solito questo fenomeno è presente con più frequenza nei confronti di determinate persone o in determinate situazioni appunto, come nel tuo caso, meno informali, e con minor frequenza nei confronti di amici e familiari verso i quali si è più a proprio agio. Sicuramente la balbuzie non è un segno di minore intelligenza o di “pigrizia” del bambino che non si sforza abbastanza esercitandosi ad esempio nella lettura. Le cause che favoriscono il suo insorgere sono moltissime e variano da soggetto a soggetto. In una buona percentuale di casi, la balbuzie è data da cause di tipo psichico come un trauma consecutivo ad uno spavento o una sofferenza vissuta.

In altri casi invece si è visto che alla base di questo disturbo possa esserci una causa di tipo organico. Neurology infatti ha pubblicato uno studio in cui veniva descritta una ricerca di alcuni scienziati di New Orleans capitanati dalla dottoressa Anne Foundas nell quale una particolare apparecchiatura per la risonanza magnetica ha permesso di evidenziare che i lobi temporali delle persona balbuzienti sono nettamente più grandi delle persone non balbuzienti e che coloro che ne soffrono sembrano anche avere delle irregolarità nella forma dell’encefalo. Sintomi quali l’ansia e la depressione comunque sono strettamente legati alla balbuzia ma non è ancora chiaro se essi ne siano la causa o la conseguenza oppure adirittura entrambe le cose, entrando in un “circolo vizioso” la quale una rafforza l’altra e viceversa.

Dunque, anche se apparentemente si può “convivere” con questo disturbo, esso non va sottovalutato sia perchè porta a malessere e a conseguenze negative sul piano socio-relazionale, sia perchè esso rappresenta un segnale alla base del quale può nascondersi un disagio che sarebbe opportuno affrontare. Ti consiglio quindi di rivolgerti ad un esperto che possa aiutarti nell’esplorazione del tuo mondo interiore per poter superare i tuoi problemi non solo di balbuzie ma, soprattutto, di ansia e depressione.

Un caro saluto,


A cura della Dottoressa Eleonora Mercadante

 

 

 

 

Pubblicato in data 24/07/2017

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

 

 

Tags: ansia consulenza online gratuita adolescenza

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni