Pubblicità

Come faccio? (146295)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 366 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara 18

Ciao, che dire. Vorrei ricevere qualche consiglio, anche se la situazione è molto complessa. Sono confusa e disperata da troppo tempo. Penso di farla finita, ci sono giorni in cui non penso a metter fine alla mia vita! Vorrei morire senza soffrire! Ma vorrei vivere! Farlo normalmente, vivere non dico felice ma almeno trovare un modo per soppravivere a questo tormento che ho dentro! Ho 18 anni mi sento sola! Dovrei avere i desideri di una ragazza ormai grande ma vorrei poter giocare con i bambini ed essere come una di loro perchè sono vissuta chiusa in un vetro, coperta da una cappa soffocante! Proprio l'altro giorno, ero a mare, si è avvicinata una ragazza che per lavoro faceva giocare i bambini al mare. Questa ragazza si è avvicinata a una bambina e le ha chiesto se voleva venire a giocare con tutti gli atri, per un attimo mi aspettavo che venisse a chiederlo anche a me. Poi, ho realizzato e capito che fuori in realtà sono una donna, e che gli altri mi vedono in questo modo. Ma io, purtoppo, non mi sento tale. Non ho amici, non so che significa avere un'infanzia e neanche un'adoloscenza. Ho tante paure e vivo sempre in difesa. Non ho nessuno con cui parlare, o meglio nessuno che mi capisce. Penso anche che non ci sia nessuno che mi ami veramente. Vivo chiusa nel mio mondo ma comincia ad essere troppo stretto. Ho una scarsa stima di me stessa, mi sento inferiore agli altri anche se so di essere intelligente. Non guardo negli occhi per più di 4 secondi una persona, temo gli sguardi. Vorrei essere diversa da quello che sono, mi sono sempre sentita disprezzata e mai presa in considerazione. Ho una rabbia infinita, che spaccherei il mondo intero. Vorrei trovare il mio posto in questo mondo. Il mio posto!

 Salve Sara, credo che sia importante innanzitutto comprendere da cosa derivi il tuo malessere, ti consiglio di chiedere aiuto ad uno psicologo che ti aiuti a fare luce dentro di te. Tutti ascoltiamo la nostra parte bambina, al tempo stesso dobbiamo trovare il giusto equilibrio con la parte più adulta. Sono sicura che c'è anche un posto per te al mondo. In bocca al lupo.

(Risponde la Dott.ssa Francesca Iacobelli)

Pubblicato in data 12/08/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni