Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Come faccio? (146295)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 252 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara 18

Ciao, che dire. Vorrei ricevere qualche consiglio, anche se la situazione è molto complessa. Sono confusa e disperata da troppo tempo. Penso di farla finita, ci sono giorni in cui non penso a metter fine alla mia vita! Vorrei morire senza soffrire! Ma vorrei vivere! Farlo normalmente, vivere non dico felice ma almeno trovare un modo per soppravivere a questo tormento che ho dentro! Ho 18 anni mi sento sola! Dovrei avere i desideri di una ragazza ormai grande ma vorrei poter giocare con i bambini ed essere come una di loro perchè sono vissuta chiusa in un vetro, coperta da una cappa soffocante! Proprio l'altro giorno, ero a mare, si è avvicinata una ragazza che per lavoro faceva giocare i bambini al mare. Questa ragazza si è avvicinata a una bambina e le ha chiesto se voleva venire a giocare con tutti gli atri, per un attimo mi aspettavo che venisse a chiederlo anche a me. Poi, ho realizzato e capito che fuori in realtà sono una donna, e che gli altri mi vedono in questo modo. Ma io, purtoppo, non mi sento tale. Non ho amici, non so che significa avere un'infanzia e neanche un'adoloscenza. Ho tante paure e vivo sempre in difesa. Non ho nessuno con cui parlare, o meglio nessuno che mi capisce. Penso anche che non ci sia nessuno che mi ami veramente. Vivo chiusa nel mio mondo ma comincia ad essere troppo stretto. Ho una scarsa stima di me stessa, mi sento inferiore agli altri anche se so di essere intelligente. Non guardo negli occhi per più di 4 secondi una persona, temo gli sguardi. Vorrei essere diversa da quello che sono, mi sono sempre sentita disprezzata e mai presa in considerazione. Ho una rabbia infinita, che spaccherei il mondo intero. Vorrei trovare il mio posto in questo mondo. Il mio posto!

 Salve Sara, credo che sia importante innanzitutto comprendere da cosa derivi il tuo malessere, ti consiglio di chiedere aiuto ad uno psicologo che ti aiuti a fare luce dentro di te. Tutti ascoltiamo la nostra parte bambina, al tempo stesso dobbiamo trovare il giusto equilibrio con la parte più adulta. Sono sicura che c'è anche un posto per te al mondo. In bocca al lupo.

(Risponde la Dott.ssa Francesca Iacobelli)

Pubblicato in data 12/08/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Una relazione finita... in cli…

SammySun, 30     Salve, ho 30 anni e da un mese ho messo fine ad una relazione durata 2 anni e mezzo con un ragazzo della mia stessa età. ...

Totale disinteresse sessuale (…

Tabata, 41     Ho sempre avuto un rapporto ludico con il sesso. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni