Pubblicità

Crisi adolescenziale (000892)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 202 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Veronica, 18 anni

Caro psicologo, ecco il punto: la mia vita fa schifo. Sono sola e credo di essere stata io ad allontanare gli altri ma non so come. Sono molto timida e questo non mi aiuta ma penso che il problema sia un altro (non so quale). Quando ero piccola mio padre picchiava mia madre e lei per reazione beveva. Avevo quasi dimenticato questa storia perchè lui dopo ha smesso, ma l'anno scorso è successo di nuovo. E' stato terribile, mi ha buttata giù al punto che avevo pensato di lasciare il lavoro.
Ora è passata ma credo sia solo uno stato di calma apparente quello che c'è adesso nella mia famiglia. Cosa faccio se succede di nuovo? Poi gli amici...a scuola è come se non esistessi. Nessuno mi considera e quei pochi che lo fanno li allontano (non volendo). Ho presentato un amico a un'amica. Entrambi mi hanno detto che tra loro non c'era nulla. Parlando con lei le dico che lui ci ha provato con me ed entrambi adesso non mi parlano più. Come mi comporto? E l'amore... quest'estate mi piaceva un ragazzo. Lui mi ha baciata e mi ha chiesto di uscire insieme. Purtroppo mia madre non voleva e lui è sparito. Poi gli ho detto che sono innamorata di lui, ma lui ha preferito rimanere solo amici. Ero d'accordo con lui e ho continuato a cercarlo. Ieri gli ho chiesto se voleva vedermi e mi ha risposto che dovrei vergognarmi. Dove ho sbagliato? Non mi ha mai tenuto nascosto che da me voleva solo sesso ed io ero disposta a farlo... Ma perchè adesso fa così? Come posso rimediare? A volte penso che se io morissi il problema sarebbe risolto alla radice ma poi mi dico che se sono qui un motivo ci sarà... Per favore, mi aiuti lei, se può.
Grazie.

Le emozioni e l'affettività che si vivono alla tua età sono sempre molto intensi e ogni situazione sembra diventare disperata. Credo che occorra ragionare sugli eventi, riflettere su quello che accade per poter trovare la strada giusta.
Intanto, per quanto riguarda la tua famiglia certamente puoi affrontare tutto quello che potrà accadere con maggiore maturità, cercando di capire le ragioni e le motivazioni dei tuoi genitori, oltre a chiedere loro conto di come si comportano e poter intervenire per trovare insieme delle soluzioni.
Anche l'amicizia e l'affettività richiedono chiarezza e trasparenza, e puoi aumentare la sintonia comunicando di più i tuoi reali sentimenti, esponendo senza incertezza quello che provi.

( risponde il dott.Renato Vignati )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia / Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

News Letters

0
condivisioni