Pubblicità

Depressione (11620)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 6334 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Vergogno 17

Sono un ragazzo di 17 anni e nella mia vita mi è capitato spesso di stare giù e di stare male con periodi nei quali piangevo almeno una volta al giorno... da piccolo ero triste perchè non sapevo giocare a calcio, quindi venivo escluso e non avevo veri amici... Verso i 14 anni stavo male, la notte non dormivo, perchè mi sentivo brutto, non riuscivo ad avere ragazze a differenza degli altri e non mi sentivo inserito nel gruppo di amici...

Da più o meno quando ho compiuto 16 anni finalmente è arrivato un periodo di felicità: sono riucito ad avere tanti amici, cominciavo ad andare in giro, mi sentivo inserito nel gruppo, sono cresciuto e non avevo più problemi con il mio aspetto fisico. La mia famiglia è composta da mia madre, mio padre, mio fratello e mia nonna. Mia madre è il mio punto di riferimento, è lei che c'è sempre e nella famiglia è la persona piu importante per me, però non so cosa pensa di me perchè in questo periodo non ho molto dialogo con lei e a volte le rispondo male. Mio padre è comprensivo e so che mi vuole molto bene e penso che lui abbia paura che io diventi come mio fratello.

Con mio fratello ho un rapporto bruttissimo, siamo persone completamente diverse e non penso che in nessun modo lui potrà mai cambiare e questo mi dispiace moltissimo perchè vedo altri miei amici che hanno un rapporto fantastico con i loro fratelli e penso che questo sia una cosa meravigliosa e so che io non potrò mai avere. Ho tanti amici e sto benissimo con loro però a volte con loro mi sento escluso ed è una delle cose che mi fa soffrire di più.

Per me sono importantissimi perchè non saprei davvero come potrebbe essere la mia vita senza tutti loro, però non credo che questo sia molto reciproco con tutti, un episodio che me l'ha fatto credere per esempio è stato quando ero in ospedale per una malattia più o meno grave e solo 2 amici mi sono venuti a trovare... Ora desidero veramente una cosa, cioè innamorarmi! Prima cercavo solo divertimento, ma adesso spero proprio di trovare una ragazza che mi ami e dimanticare storie impossibili a verificarsi.

Io penso che il mio vero problema sia la mia personalità che non lascia spazio e che secondo me non è una vera e propria personalità. Vorrei essere simpatico, vorrei fare stare bene le persone che si trovano in mia compagnia, vorrei essere più considerato e vorrei essere amato, vorrei saper esprimere le mie emozioni senza paura e senza paura del giudizio e vorrei veramente non trovarmi mai più nelle mie tristi situazioni e periodi! Non so quanto potete aiutarmi, ma comunque già mi avete aiutato dal momento che ho cominciato a scrivere questa lettera ed ho bisogno di confrontarmi con qualcuno che non mi giudichi. Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

L'adolescenza è il periodo di sviluppo più importante: le esperienze che viviamo, le situazioni che sperimentiamo in questa età saranno parte delle fondamenta sulle quali andremo a costruire le nostre modalità di funzionamento adulte. E' l'età dell'incertezza, del volere tutto e subito, del non essere mai pienamente soddisfatti, del voler dare un' immagine di sè ideale che ha poco a che vedere con il sè reale, quello profondo, quello che siamo veramente.

In questa tua richiesta di aiuto hai racchiuso quelle che sono le situazioni tipiche della tuà età, ma che non devono essere sottovalutate e soprattutto non devono essere giudicate. La personalità è una struttura in continua evoluzione, è una costruzione che viene costantemente modulata e nessuno, e sottolineo nessuno, ne è privo. Stai crescendo caro diciassettenne, arriverà il tempo dell'innamoramento, del sentirsi accettati e non giudicati, del sentirsi parte integrante della società, del sostituire i "dovrei" e i "vorrei" con le certezze.

E' un viaggio lungo, a volte doloroso ma irripetibile. Se vuoi un compagno di viaggio non esitare a contattare uno specialista che, senza alcuna forma di giudizio, ti potrà tendere una mano in situazioni di difficoltà. Sinceri saluti.

 

(risponde il Dott. Davide Viola)

 

Pubblicato in data 28/05/08

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni