Pubblicità

Depressione? (20090417)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 284 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Eleonora 18

Salve, sono una ragazza di 18 anni, frequneto l'ultimo anno di liceo classico ed ho un problema. Dall'anno scorso non ho più voglia di continuare a frquentare questa scuola pensavo di farcela ma non è così. Non mi piace, non mi piace studiare quelle materie e so che non mi servirà a nulla. Ora è da un pò di tempo che sono entrata in crisi, non studio più, non vado più a scuola, mi sono isolata e non ho più voglia di fare nulla.

Ho riflettuto molto ed ho capito che forse dovrei cambiare scuola ed andare in un istituto alberghiero che veramente mi piace, che mi farebbe sentire realizzata e che penso mi possa aiutare ad uscire dallo stato in cui sto. Il problema è posso cambiare a metà del quinto anno? Che devo fare? Ho letto che ci sono dei corsi per gli adulti che si svolgono per recuperare e per prendere il diploma, che mi consigliate di fare? Io non ce la faccio davvero più: non posso più tornare in quella scuola. Vi prego di rispondere. Grazie.

Ciao Eleonora. Il "consiglio" che posso darti è alquanto semplice: ormai siamo ad aprile, l'anno scolastico è quasi terminato e con quello anche il tuo corso di studi. Perchè interromperlo alla fine e rinunciare ad un diploma che hai già in tasca? Poniti un nuovo obiettivo, piuttosto: terminare gli studi che stai già facendo al meglio e poi iscriverti all'alberghiero o ad uno dei corsi di cui parli. E poi chi dice che il tuo diploma non serve a nulla? Quanto meno sei diventata portatrice di una cultura non da poco.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

 

Pubblicato in data 16/04/2009

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

News Letters

0
condivisioni