Pubblicità

Dipendenza da Internet (015562)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 329 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberto, 58 anni

Mia figlia piu' grande di quasi 19 anni sta tutto il giorno davanti al computer a giocare con un gioco on line, chattare, ecc.Noi genitori siamo molto preoccupati.....quest' anno, giunta al 5° anno del liceo classico, si è ritirata dalla scuola. Il suo stile di vita è diventato questo: si alza verso le 13,30 e subito si siede al computer per rimanervi, ininterottamente sino alle 2 ~ 3 di notte. Ogni giorno...Da un anno....Ora non esce più di casa. Ha abbandonato quasi ogni contatto con i compagni di scuola. Abbiamo provato a chiederle che cosa ha: dice che non le interessa più vivere ma solo "passare iltempo". Dice che esaminando la vita che ha vissuto non ha avuto nulla di buono, solo delusioni, tra cui una delusione importante di amicizia che le ha fatto crollare tutti i valori nei quali credeva sino a quel momento. Dice anche una frase sconvolgente:"Ciò che uno vuole non è ciò che può", nel senso che, anche se lei capisce che fa male a fare così e con la ragione vorrebbe tornare indietro, una forza la spinge invece a continuare.
E' sempre stata un po' cicciotella ma adesso è diventata molto obesa. Ho provato a dirle:"Guarda, vedi che ogni giorno ti stai rovinando....fai qualcosa....non fai movimento.....concepisci nell'arco della tua giornata almeno un piccolo spazio per fare altre cose.....vai a comprare....non è detto che noi vogliamo che tu debba per forza incontrare persone.....esci....non rifiutare il mondo,....il creato....non farlo per noi, ma solo per te stessa....per non ammalarti del tutto".Risposta:"Ormai è troppo tardi per tornare indietro....quando si superano certi limiti, non si può più tornare indietro. Se dipendesse da me mi sarei già uccisa.....faccio così per non darvi dispiaceri peggiori.....tutto intorno a me è nero e buio...". Quando dice queste cose ho notato che assume una fisionomia quasi distaccata da se stessa, metre il tono della voce si fa più impresonale e freddo.Durante la giornata si isola al computer e non parla quasi più nemmeno con sua sorella di 16 anni...Purtroppo non sappiamo cosa fare perchè come ho detto non vuole più uscire di casa. Legalmente credo non possiamo fare nulla....è maggiorenne. Cosa possiamo fare?

Gentile Roberto, non aspettate nemmeno un minuto, ed andate presso uno psicoterapeuta od un centro per le psicoterapie familiari. Prenda in mano la situazione, ed aiuti sua figlia e la sua famiglia in questo modo. Sua figlia è ancora giovane, è può recuparare l'anno perso e riprendere in mano la sua vita. Aiuti la sua famiglia e se stesso in questo modo. Non aspetti.
Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni