Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disagio (02101999)

on . Postato in Adolescenza | Letto 73 volte

Milena, 15 anni (2.10.99)

Salve! sono di nuovo Milena vi ricordate di me?.Spero di si.Ho capito che ciò che mi fa soffrire di + non è la scuola.Per me sono molto importanti gli amici e lo è anche fare esperienze nuove.Mi piace uscire e conoscere gente nuova.I miei genitori non mi fanno uscire tanto e sebbene io gli abbia parlato di quello che sento dentro loro continuano a rimanere sulle loro idee e sono irremovibili.A me piace molto uscire la sera e lo so che questo non lo fanno molte ragazze di 15 anni.Ma io vorrei tanto uscire.I miei genitori dicono che per "principio" una ragazza di 15 anni non dovrebbe uscire.Ma io ho presentato loro i miei amici ed hanno potuto vedere che sono tutti delle brave persone.Secondo voi questo "principio" è fondato?.A me quello dei miei genitori non sembra altro che autoritarismo.Questo loro atteggiamento mi ha fatto tanto soffrire e adesso ho paura di impazzire.Non sto scherzando ho paura che diventerò matta sul serio!ieri sera mi è venuta una terribile depressione e non ho dormito tutta la notte.Poi stamattina ho sentito una specie di confusione mentale per un'ora circa non mi ricordavo come mi chiamavo e neanche in che luogo mi trovavo ed ero a casa mia!.Stasera che è l'unica sera che posso uscire in tutta la settimana non sono uscita perchè mi sento "strana".Mi è venuta la paura di impazzire.

Ciao cara Milena certo che ci ricordiamo di te!!
Non pensiamo che quello descritto da te sia bieco autoritarismo, forse è il normale autoritarismo genitoriale al quale tu cerchi di opporti con tutte le tue forze perchè ora ti risulta difficile accettare il fatto che, da sola, ancora,"non puoi" prendere tutte le decisione che vorresti... E' una fase molto dura ed intensa la tua, molti di noi ci sono passati, ma ciò che ti suggeriamo è di conquistarti quell'autonomia, non esasperandoli troppo!!! Dai fiducia a loro e loro te ne daranno, rispettali e ti rispetteranno. E ciò che tu descrivi come <<paura di impazzire>> forse è solo quell'inquieta esuberanza che ti caratterizza: a quante cose pensi tutte in una volta? Comunque non credere di fare "un torto" ai tuoi genitori non uscendo nemmeno quando puoi, se io fossi in loro ne sarei solo contenta, da una parte, e, dall'altra, penserei che questo tuo atteggiamento è proprio di una persona un po' inaffidabile (l'esatto opposto che vorresti dimostrare, vero?).
Combatti con intelligenza le tue battaglie, non dimenticare...

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters