Pubblicità

Disturbi di personalità (50894)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 199 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Diego 17anni, 23.06.02

Salve,vi scrivo su consiglio di una mia amica.Non so se le cose che lei ha detto sono vere...ma non è la prima persona che mi consiglia una consulenza di questo tipo. Sono uno studente di 17 anni, con una situazione familiare "normale", nel senso che le liti coi genitori le hanno tutti e sono fidanzato da 4 mesi. Ciò che mi lascia sconvolto è il come vivo i miei 17 anni...praticamente non li vivo. Ho continui sbalzi di umore: alterno depressioni a momenti di pura euforia, rabbia a momenti di gioia. Mi estraneo quasi sempre dai discorsi dei miei coetanei in quanto li ritengo insulsi, privi di significato. Loro vedono tutto superficialmente...sono troppo leggere come persone...l'unica persona con la quale mi trovo bene è la mia Irene(la mia ragazza).Io vivo a Reggio Emilia,lei a Bologna. Ci vediamo una volta a settimana, non so se è rilevante...anzi...non lo è...scusate...il fatto è che per lei provo qualcosa di profondissimo e tutti mi dicono che da quando c'è lei io sono cambiato. Faccio discorsi seri, profondi per la mia età. I miei comportamenti sono cambiati...ho scatti di autolesionismo...a dire il vero li avevo anche prima...mi faccio male da solo. Mi incido sulle braccia, scrivo nomi, lettere...la cosa piu' grave è che penso spesso al suicidio. Ho provato un paio di volte a tagliarmi le vene me inutilmente...giuroche non so perchè lo faccio...la mia amica ha detto che non mi stimo...è che cio' fa parte di una sindrome...quella del borderlaine credo abbia detto...io non so se è vero...ma questa situazione dura da un anno e credo sia diventata insostenibile. Pensare quasi ogni notte di uccidersi e stare bene due minuti dopo per poi ricrollare...non credo sia normale...in breve i miei sintomi sono questi: -sbalzi d'umori drastici -autolesionismo -pensieri suicidi -odio verso me stesso. Vi prego di darmi una risposta. Cordiali saluti. Diego.

Carissimo Diego temo che i tuoi aspetti problematici implichino più cause: una potremmo attribuirla all'età e quindi come è noto il periodo dell'adolescenza è assai ingrato a volte, infatti si provano delle sensazioni anche estreme, ma sono soltanto legate al passaggio dal periodo della fanciullezza a quello dell'età adulta. Un altro aspetto è quello dell'innamoramento, mi pare di capire che la tua storia sia un pò difficile data la lontananza dalla tua ragazza cosa che ti fà molto soffrire, quindi sinceramente gli aspetti delle pulsioni autolesioniste dovresti col tempo riuscire a superarle da solo, se così non fosse e ti rendi conto che il tuo disagio è troppo forte rivolgiti ad uno psicologo e cetrca di capire che tipo di comportamento stai mettendo in atto e quali messaggi vuoi in questo modo, e cioè facendoti male , vuoi mandare alle persone che ti circondano. Cerca comunque di non perdere fiducia in te stesso e nelle tue capacità di recupero senza fare diagnosi affrettate... Ciao e riscrivi se vuoi.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters

0
condivisioni