Pubblicità

Disturbo ossessivo compulsivo e personalità borderline (114307)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 2622 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maria 47

Mia figlia ha 16 anni e mezzo e all'età di 13, in seguito ad un picco di sintomi (in realtà fa psicoterapia a fasi da quando aveva cinque anni circa, perchè cominciò improvvisamente a vedere macchie a ripetere frasi e gesti in maniera ossessiva) le è stata diagnosticato il DOC con organizzazione bordeline di personalità. A distanza di anni, in cui è sottoposta a dosi, sencondo me, alte di MODITEN DEPOT (una fiala ogni 15 gg), più al bisogno LARGATTIL ed EN, i pensieri ossessivi e tremendamente angoscianti si sono un pò placati anche se spesso l'ansia e il senso di inadeguatezza normale per un adolescente, ma per lei esasperato, la portano ancora ad essere aggressiva, (anche se rarissimamente adesso) autolesionista, molto angosciata e a vivere male o non riuscire ad affrontare attività tipo la vita scolastica. Da nove mesi (è partita da lei la richiesta essendo molto consapevole e con una grande voglia di stare bene) vive in una Comunità terapeutica, anche a causa di una situazione familiare poco armoniosa in quanto io e mio marito non siamo mai sulla stessa linea di comportamento e questo pare sia deleterio per lei. A me non sembra di vedere grossi miglioramenti e forse neache troppo impegno a fare delle cose, ma  non so capire se a causa del malfunzionamento della comunità, se per una preoccupazione esagerata da parte mia che vorrei vedere cambiare e guarire mia figlia, o se perchè il suo disturbo è tale da non dare grosse possibilità. Quello che vorrei sapere è se esistono cure diverse, più mirate che consentano magari di lasciare i farmaci, e se potete indirizzarmi a qualche specialista nel campo. Mi hanno detto che la terapia cognitiva comportamentale non è adatta in questo caso e che comunque è solo un palliativo ma non una cura, e' davvero così? Vi prego, datemi delle indicazioni perchè il tempo passa e mi hanno detto che si deve agire finchè il cervello o la personalità sono in fase evolutiva, poi sarebbe tardi e io vedo che il tempo passa e mi sembra che si faccia troppo poco. Distinti saluti e grazie.

Maria ti parlo da psicologa proprio ad orientamento cognitivo-comportamentale. Il trattamento è quello più educativo da un punto di vista comportamentale e quindi i miglioramenti non dovrebbero tardare. Certo, da quello che racconti la gravità dei sintomi è davvero impressionante anche se, poichè la richiesta è venuta proprio da lei, pare avere una certa consapevolezza di malattia. Un disturbo tanto complesso deve essere gestito in condivisione e con un trattamento multidimensionale. Questa è la vostra strada! Non è un palliativo, la terapia come non lo è la farmacologia... devo essere imprescindibili l'una dall'altra ed è necessario che vi siano persone che sappiano fare bene il loro lavoro in equipe. Il fatto dell'età è un po' ambiguo: certo, sarebbe meglio intervenire il prima possibile... ma per garantire una qualità di vita a tua figlia ed alla tua famiglia migliore. Non è vero che una volta formatasi la personalità non si fa più niente... anche perchè la personalità è sempre in via di sviluppo ed anzi, credo che l'intervento precoce sia stato affrontato. Il fatto che i miglioramenti siano un po' lenti può dipendere dalla gravità del disturbo. I farmaci... beh ogni anno si dovrebbe provare lo scalaggio sia nei ragazzi che negli adulti e monitorare in che modo la persona si assesta... se il tuo psichiatra non è disposto a fare questo... forse il problema è "personale" non metodologico. 

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 24/05/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni