Pubblicità

Emotività (078631)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 354 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Valerio, 45 anni

Desidererei sapere che tipo di approccio devo impostare per cercare di risolvere il problema di emotività di mia figlia di 13 anni.
Premesso che vive in un ambiente familiare sereno (il nucleo familiare comprende anche il fratello di sei anni), ci siamo resi conto che sta incontrando una serie di difficoltà che riesce a risolvere soltanto con il pianto.
Timida e piuttosto introversa, non parla con noi dei suoi problemi e gli episodi di crisi ci sono riferiti da altre persone.
Gli episodi più recenti si sono verificati a scuola in un paio di occasioni differenti.
Nel primo caso non ha retto allo stress di un'interrogazione dal posto (non alla cattedra) e ha sentito
il peso di essere osservata dai compagni di classe. Nel secondo caso è stata ripresa perché stava discutendo con una sua compagna e ha reagito rispondendo male alla professoressa e scoppiando a piangere. Ma a preoccuparci maggiormente
è il fatto che utilizzi questa soluzione non solo nelle situazioni determinate dall'imposizione di un determinato comportamento, come può essere appunto l'ambiente scolastico. Infatti ci è stato riferito che il problema si ripete anche in ambito sportivo, nelle lezioni di equitazione che lei stessa ha scelto come sport.
Quando l'istruttore la riprende per un movimento non corretto si innervosisce, abbandona il campo e piange. I tentativi di comprendere il suo disagio sono sempre falliti, poiché ai vari tipi di approccio, più o meno dolci, ha risposto con il silenzio o con il pianto.
Come è possibile capire da che cosa derivi la sua insicurezza se non riusciamo a comprendere il suo stato d'animo?Cordilamente.Valerio

Gentile signor Valerio,
la descrizione articolata delle manifestazioni di sua figlia, ad un primo impatto mi fanno ipotizzare a manifestazioni di ansia da prestazione.
Questa, infatti, si scatena tutte le volte che non ci sentiamo capaci di svolgere un compito e ci sentiamo esposti al giudizio degli altri. Elemnti questi, che mi sembrano abbastanza presenti nelle descrizioni riportate.
Bisognerebbe capire come mai la ragazza di fronte al compito si sente così inadeguata e cosa rappresenta per lei eventualmente un fallimento, tanto che quando questo si verifica non si può propio tollerare. Mi chiedo se sulla ragazza ci sono aspettativealte da parte delle figure di riferimento. Sarebbe utile rivolgersi ad uno psicologo ed effettuare una breve consulenza per fare
chiarezza sulle difficoltà della ragazza che oltretutto si confronta con una delicata fase del ciclo della vita, l'adolescenza.
Forse è anche spaventata dai compiti evolutivi verso i quali non si sente ancora pronta e un breve percorso psicoteraputico potrebbe aiutarla a superare le difficoltà che in questo momento le sembrano insormontabili.

Pubblicitla' Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

News Letters

0
condivisioni