Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Età adolescenziale e il rapporto con il sesso (153498)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 240 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Laura, 30

Gentilissimi,
vorrei dare una mano a mia cugina non ancora quindicenne. E' stata vista sempre come , una ragazzina emarginata,che non dava ascolto a nessuno, e che faceva solo quello che le passava per la testa. Verso le medie se non prima, veniva presa in giro dai compagni per il suo fisico e per l'abbigliamento. Verso la seconda, terza media, ha detto che aveva baciato un ragazzino ,che andava in classe con lei, non so fino a che punto fosse vero, visto che in lei, vedevo una certa voglia di essere come le altre, di crescere in fretta. In quest'ultimo periodo,è dimagrita e ha iniziato a prepararsi,ma sono successe varie cose, che mi fanno preoccupare, ossia dei messaggi spinti a livello sessuale che manda a ragazzi sia più grandi che coetanei. All'inizio delle superiori è stato con un ragazzo, i genitori che non volevano, la
rimproveravano ma finiva lì. Il metodo dei genitori un po' permissivo per certi lati, non ha giovato alla situazione, poichè ha continuato ad agire senza pensarci. A scuola non segue le regole, non studia, litiga spesso e volentieri con altre ragazze dell'istituto, imbratta i muri, a volte fuma e ha un rapporto troppo spinto con i ragazzi. Ha confidato da poco, di aver avuto un primo rapporto sessuale con il ragazzo che ha conosciuto alle superiori.
 E' una ragazza non tanto ubbidiente, preciso che non è figlia unica, inventa bugie con amici e insegnanti, per giustificare i suoi comportamenti. Vorrei sapere perchè inventa bugie, perchè ha così fretta di crescere,e perchè a livello sessuale già dice, e non so se fa determinate cose. Non è troppo presto per parlare e praticare sesso? Ho paura che salti svariate tappe della sua adolescenza. Cosa fare? Grazie mille

 

Gentile Laura,
le fa molto onore preoccuparsi della sua giovane cugina, intorno alla quale sembra esserci un clima molto permissivo, quasi trascurante per alcuni versi.
Cerchiamo di dare un ordine a quanto ci ha comunicato. Anzitutto la giovane da sempre ha un atteggiamento disubbidiente e non curante delle regole. Fa ciò che meglio crede poichè le è sempre stata lasciata una grande libertà, che naturalmente vista la giovane età non ha saputo gestire. Non ha ricevuto dei contenimenti e delle linee guida. Si aggiunge poi il fatto di essere isolata ed emarginata dai pari, senza poter quindi confrontarsi con loro e riflettere.
Proprio considerando la condizione di isolamento che vive e quella di essere oggetto di scherno da parte degli altri, sarà stato un passaggio naturale per lei, crescendo, cercare di emulare le coetanee e di essere come loro, sperando di conquistare una nuovo status sociale. Ha quindi iniziato a dimagrire e a truccarsi per cercare e
costruire un'identità più femminile e "da grande". L'interesse verso i maschi e il sesso è normale per una ragazza della sua età. Oggi purtroppo c'è un abuso delle nuove tecnologie per relazionarsi con gli altri e gli adolescenti usano molto spesso messaggi e social networks per mettersi in mostra, provare popolarità e gratificazione
tramite l'attenzione ricevuta. Per questo la giovane invia sms spinti e a sfondo sessuale, che sono purtroppo uno dei modi più veloci e diretti con cui ottenere il suo obiettivo. Dimostra un bisogno di attenzione e di sentirsi desiderata ed amata. E' importante che qualcuno possa informarla riguardo i rischi della sua condotta e dell'importanza di conoscere in maniera responsabile le dinamiche tra ragazzi, anche a livello sessuale. Se può, si faccia carico di darle delle informazioni sull'educazione sessuale ed affettiva. Cerchi di insegnarle il valore del corpo e delle scelte sentimentali.
Le consiglio quindi di proporsi da guida e da sostegno. Da donna potrà aiutarla a capire ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, quali siano le priorità e i valori su cui fondare la sua vita. Si ricordi che sua cugina ha bisogno di sentirsi accettata e di costruire pian piano la sua identità. Non tema di parlare con lei di aspetti sessuali ed intimi, perchè in adolescenza sono naturali una forte curiosità ed un costante interesse, ed è importante che i giovani possano avere le informazioni di cui necessitano da una persona adulta e consapevole.
Forza e coraggio!
Saluti

(Risponde la Dott.ssa Dongiovanni Filomena)

Pubblicato in data 22/02/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Una relazione finita... in cli…

SammySun, 30     Salve, ho 30 anni e da un mese ho messo fine ad una relazione durata 2 anni e mezzo con un ragazzo della mia stessa età. ...

Totale disinteresse sessuale (…

Tabata, 41     Ho sempre avuto un rapporto ludico con il sesso. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenien...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni