Pubblicità

Figlio (145895)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 326 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Schon 15

Buongiorno, ho un figlio che compierà il 5 agosto 15 anni. Il problema è che, già da un pò di anni, fa fatica ad interagire e comunicare con gli adulti. Il problema si è presentato alle medie con alcune maestre, ma sembrava di piccola entità , ho cercato di dargli sostegno. Inoltre, ho cercato di spiegare e di parlare con lui e sembrava che stesse migliorando. Poi, con la prima superiore, ha iniziato ad avere le maestre, le quali mi hanno chiamato, non dicendomi che lui rispondeva male o cose simili, ma semplicemente per dirmi che non parlava, rispondeva a monosilabe e questo è stato interpretato come menefreghismo e indifferenza. Senza contare che sono stata chiamata dalla maestra a settembre, e successivamente a metà anno perchè ancora non era cambiato nulla, anzi è peggiorato visto che anche i voti erano in netto callo, e ora alla fine dell'anno sono stata richiamata perché va sempre peggio ed è stato rimandato in due materie. Premetto che, durante l'anno, abbiamo provato a parlare con lui, ad aiutarlo a crearsi un metodo di studio, e tutto ciò che ci sembrava potesse aiutarlo. Attualmente, se cerchiamo di parlare di cose di questo tipo o dei suoi problemi relazionali con la scuola, dello studio, della sua totale non voglia di fare, lui non risponde, rimane di fronte a noi, a tormentarsi gli occhi o le mani, qualche volta pronuncia un monosilabo non convinto. Il problema non riguarda solo lo studio, la scuola ma proprio in generale, non vuole far niente. Tutto ciò che fa, si verifica solo quando gli viene espressamente richiesto, del tipo lavati i denti, fai la doccia, bevi acqua, e tante altre cose. Mi sento senza fiducia e non so cosa provare. Mi chiedo se ho trascurato qualche suo problema, oppure ho sbagliato qualcosa nella sua educazione, non so, Spero di essere riuscita a darvi un pò l'idea del problema e di poter avere un consiglio su come comportarmi, visto che in tutto ciò neanche lui sembra felice, ma questa è una mia impressione, visto che lui non parla di cosa pensa o che cosa prova. Un saluto.

Salve, il fatto che il problema di suo figlio si sia presentato dalla scuole medie potrebbe dipendere dal rapporto che aveva instaurato con la professoressa. Questa è solo un'ipotesi, dato però che il problema continua a presentarsi, le consiglio di chiedere aiuto ad uno psicologo della Asl, in modo tale, che lo psicologo possa effettivamente osservare il comportamento di suo figlio e decidere che tipo di aiuto adottare. Auguri.

(Risponde la Dott.ssa Francesca Iacobelli)

Pubblicato in data 23/07/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni