Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Figlio (145895)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 297 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Schon 15

Buongiorno, ho un figlio che compierà il 5 agosto 15 anni. Il problema è che, già da un pò di anni, fa fatica ad interagire e comunicare con gli adulti. Il problema si è presentato alle medie con alcune maestre, ma sembrava di piccola entità , ho cercato di dargli sostegno. Inoltre, ho cercato di spiegare e di parlare con lui e sembrava che stesse migliorando. Poi, con la prima superiore, ha iniziato ad avere le maestre, le quali mi hanno chiamato, non dicendomi che lui rispondeva male o cose simili, ma semplicemente per dirmi che non parlava, rispondeva a monosilabe e questo è stato interpretato come menefreghismo e indifferenza. Senza contare che sono stata chiamata dalla maestra a settembre, e successivamente a metà anno perchè ancora non era cambiato nulla, anzi è peggiorato visto che anche i voti erano in netto callo, e ora alla fine dell'anno sono stata richiamata perché va sempre peggio ed è stato rimandato in due materie. Premetto che, durante l'anno, abbiamo provato a parlare con lui, ad aiutarlo a crearsi un metodo di studio, e tutto ciò che ci sembrava potesse aiutarlo. Attualmente, se cerchiamo di parlare di cose di questo tipo o dei suoi problemi relazionali con la scuola, dello studio, della sua totale non voglia di fare, lui non risponde, rimane di fronte a noi, a tormentarsi gli occhi o le mani, qualche volta pronuncia un monosilabo non convinto. Il problema non riguarda solo lo studio, la scuola ma proprio in generale, non vuole far niente. Tutto ciò che fa, si verifica solo quando gli viene espressamente richiesto, del tipo lavati i denti, fai la doccia, bevi acqua, e tante altre cose. Mi sento senza fiducia e non so cosa provare. Mi chiedo se ho trascurato qualche suo problema, oppure ho sbagliato qualcosa nella sua educazione, non so, Spero di essere riuscita a darvi un pò l'idea del problema e di poter avere un consiglio su come comportarmi, visto che in tutto ciò neanche lui sembra felice, ma questa è una mia impressione, visto che lui non parla di cosa pensa o che cosa prova. Un saluto.

Salve, il fatto che il problema di suo figlio si sia presentato dalla scuole medie potrebbe dipendere dal rapporto che aveva instaurato con la professoressa. Questa è solo un'ipotesi, dato però che il problema continua a presentarsi, le consiglio di chiedere aiuto ad uno psicologo della Asl, in modo tale, che lo psicologo possa effettivamente osservare il comportamento di suo figlio e decidere che tipo di aiuto adottare. Auguri.

(Risponde la Dott.ssa Francesca Iacobelli)

Pubblicato in data 23/07/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

News Letters

0
condivisioni