Pubblicità

Figlio 18 anni (079952)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 217 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Barbara, 44 anni

Mio figlio, il classico bravo ragazzo che da soddisfazione in casa, educato, questa estate mi sono accorta che ha svuotato il suo salvadanaio di oltre 2.000 euro, non sa rispondere per cosa li ha spesi, dice per fesserie, in casa non c'è niente di comprato, poi sono cominciati a sparire soldi dalle tasche e dai borsellini,l'ho messo alle strette e inizialmente mi ha detto di aver giocato al video poker, invece poi la vigilia di Natale abbiamo trovato dell'erba, lui ha detto che non era sua, ma poi ha ammesso, poi mi ha detto che non ha perso al gioco ma fa uso di fumo, così.... perchè lo fanno tutti, perchè è normale alla sua età, che non abbiamo sbagliato niente noi, che gli amici lo fanno, che lui comunque va a scuola e comunque vuole bene a tutti, io gli ho dato sempre più di quello che potevo, ora so di aver sbagliato, anche se ha visto le difficolta che sono arrivate, dal fallimento del lavoro del padre,avenuto nel 2000, la depressione di cui soffro, il 15 novembre ho avuto anche uno shock anafilattico e quasi morivo, la cugina di 17 anni è ammalata di sclerosi, la sorella anche ha sofferto per 5 anni di una malattia da quando ne aveva cinque e ora ne ha 14, non si sopportanto neanche 2 minuti, sono sempre a litigare,mia figlia dice che lo difendo sempre, è vero perché io lo vedevo diverso, non mi ha mai alzato la voce a differenza della sorella, ora lei rinfaccia anche questo. Cosa posso fare? Mio marito è bravo, un pezzo di pane, ma non ha polso, sorvola i problemi, non sa cosa dirgli e anche se io gli parlo e lui mi risponde (figlio) non so più se mi dice la verità.

Gentile signora, ciò che mi descrive è una situazione molto complessa, le difficoltà alle quali fa riferimento sono tutte abbastanza significative. Mi chiedo quanto tutto questo nonn sia stato vissuto dal ragazzo come eccessivo.
Se non sbaglio è l'unico che non presentava problemi, la sorella malata, la cugina anche, il fallimento del papà, la depressione, il suo schock anafilattico....
Insomma mi chiedo che spazio sentiva il ragazzo in questa famiglia che oltretutto lo riteneva quello normale, che non alzava la voce. Indubbiamente ritengo che forse uno spazio all'interno del quale poter affronatre tutte queste aree così complesse le possa consentire di affrontare con minore difficoltà i problemi che le si presentano. Il ragazzo a suo avolta potrebbe rivolgersi anche lui ad un esperto che lo aiuti a fare chiarezza, ma attenzione in questo caso è necessario che sia lui stesso a chiedere aiuto.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

News Letters

0
condivisioni