Pubblicità

Fine di un rapporto (127740)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 231 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Laura 43

Salve, sono madre di 3 figli. Una di 18 anni, una di 15 anni ed una di 2 anni. La figlia maggiore ha avuto una relazione con un ragazzo per due anni. Un ragazzo particolarmente geloso che l'ha portata ad annullarsi psicologicamente, moralmente e fisicamente. Per due anni non ha avuto amici, rapporti con l'esterno. Esisteva solo lui. Dopo due anni ha trovato la forza per lasciarlo. Oggi a distanza di 3 mesi mia figlia e' in una crisi drastica. Dice di amarlo pazzamente ma ha paura di lui, che possa farle nuovamente male. Non sa cosa fare, ma il peggio e' che piange continuamente, non sorride mai, ha annullato quasi completamente il rapporto con la mamma, che era particolarmente intenso. Ho cercato di farle capire che la sua scelta forse è stata giusta ma risponde che lei sta molto male. Ho cercato di farla riflettere. Il ragazzo, oggi, le ripete continuamente che e' cambiato, che ha capito i suoi errori e che la ama piu' di ogni cosa. Lei è molto confusa, non reagisce, piange e dice continuamente di amarlo e di avere paura. Non so più cosa fare. E' dimagrita in tre mesi, 8 chili. E' assente, una ragazza completamente priva di vitalità. Ho anche provato a dirle di dargli un'altra possibilità. Di riprovare a stare con lui per vedere se la situazione è cambiata. Ma risponde che ha paura. Non so piu' cosa dirle. Vorrei avere un consiglio su come agire, parlare e consigliare. Sono senza armi e vorrei trovarne solo una per farle ricominciare un nuovo percorso di vita. Grazie.

Cara Laura, innanzitutto due cose: primo, le persone non cambiano così facilmente e rapidamente; secondo, non spinga sua figlia a tornare con un ragazzo che non la merita, perchè potrebbe non trovare più il coraggio che ha avuto adesso. Le stia accanto, e le suggerisca un consulto con una psicologa. Probabilmente sua figlia più che innamorata di questo ragazzo, ne è emotivamente dipendente. Nel suo caso il supporto di una psicologa l'aiuterà a svincolarsi da questo ragazzo e, soprattutto, a superare quanto le è accaduto. Probabilmente lei ha suggerito a sua figlia di dare un'altra possibilità al suo ex perchè non sa tutto quello che è successo tra loro. Magari sua figlia non ha avuto il coraggio di raccontarle tutto. Si ritenga fortunata ad avere una figlia tanto matura da aver avuto la forza e il coraggio di ribellarsi ad un "amore" che l'avrebbe portata a vivere una vita di lacrime nascoste. E che ne ha ancora tanto da resistere alla tentazione di tornare con lui. Le ripeto: il mio unico suggerimento è quello di starle vicino e fare in modo che si lasci aiutare da un esperto.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 10/12/08
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

News Letters

0
condivisioni