Pubblicità

Gelosia (148508)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 346 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Chiara 14

Salve, mi chiamo Chiara e ho 14 anni, scrivo da Pesaro. Di solito non soffro di gelosia perchè mi fido sempre ciecamente di chi mi sta intorno, eppure circa un anno fà ho conosciuto una persona online soprannominata SUSY che è diventata una delle persone più importanti della mia vita, tutto è cominciato per caso da una passione in comune e poi parlando dei nostri problemi, risolvendoli insieme e desiderando solo la felicità dell'altra siamo diventae INSEPARABILI, lei è napoletana e siamo distanti ma mi sono affezzionata così tanto da sentirla sempre e soffrire quando lei sta male. Ci sentiamo per webcam, chat o telefono e ci vogliamo un bene dell'anima, io sono davvero "innamorata" di lei, è troppo importante per me e lei mi ha sempre dimostrato lo stesso in tutti i modi. Ora succede che riappare una ragazzina che per lei era importante e la fa soffrire perchè questa ragazzina (KIKKA) pretende troppo, davvero troppo da Susy, così io sono intervenuta facendomi "odiare" da Kikka e le sue amiche automaticamente mi trattano malissimo. Susy mi ha difesa e mi è stata vicina fino a 2 giorni fà, oggi scopro che è sempre in contatto con Kikka, le racconta tutto ed è tremendamente attacata a lei tanto da scriverle su Facebook, Msn e tutti gli altri social network, si scrivono parole importanti: "Mi manchi, Grazie, Ti amo" in continuazione, quando con me è strana e diversa, nonostante si faccia comunque sentire abbastanza. Non so che fare, non voglio perderla per nulla al mondo ma allo stesso tempo in questo modo soffro troppo, davvero troppo. Ho bisogno di un consiglio che mi aiuti. Grazie, spero in una risposta.

Ciao Chiara, stai parlando di qualcosa di molto importante. La passione e l'entusiasmo a volte ci trascinano e ci fanno trascurare, o semplicemente rimandare, altre cose altrettanto importanti perché un rapporto sia intenso e anche duraturo. Si tratta della capacità di ridefinire i confini e le aspettative reciproche, di potersi confrontare anche nelle differenze, di sapersi raccontare e di saper ascoltare anche nelle esperienze che non si condividono o che non si capiscono. Se capisco bene, il vostro rapporto si sta trasformando, e questo è importante e vitale. Se riuscirete a guardare avanti anziché indietro, a come questo rapporto può maturare anziché a ciò che si lascia alle spalle, qui vi è l'opportunità di coltivare qualcosa di veramente prezioso. E questo dipende in egual misura da entrambe.

(Risponde la Dott.ssa Lucia Banchelli)

Pubblicato in data 5/11/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

News Letters

0
condivisioni