Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Insicurezza (053342)

on . Postato in Adolescenza | Letto 156 volte

AB 17, 14/10/2002

Ultimamente sono stata come in depressione per alcuni mesi e ho preso 3-4 kg di peso. non che sia obesa (1.63*59 kg) ma mi sento uno schifo e penso di continuo che sarebbe meglio se fossi anoressica. a volte penso al suicidio. piango. a volte non vorrei mangiare niente e a volte tutto. vorrei non essere viva. oltretutto ho dei problemi coi miei genitori ed in casa mi sento a disagio. l'inverno scorso mangiavo molto poco ed ero calata di peso velocemente; un periodo in cui però stavo malissimo. il mio ragazzo ha notato che anche quando sono felice lo sono poco; la mia allegria non dura mai molto e sono sempre triste. Non mi va più di avere rapporti sessuali. Mi preoccupa anche il fatto che con le pinzette levaciglia mi strappo dei peli fino a farmi male, a far uscire del sangue, a ferirmi la pelle come se fosse scorticata. Lo so che non sono cose belle da dire... Le cose che vorrei dire sono tante e farne un riassunto è difficile; vorrei essere perfetta ma non riesco a fare niente per migliorare. Non mi voglio accettare. Mi rendo conto che è ridicolo scrivere certe cose e rompere le scatole quando ci sono persone che hanno più bisogno di me di essere ascoltate, ma non ce la faccio proprio: sono triste.

RISPOSTA: Cara AB, hai fatto benissimo a scrivere e non dimenticare mai che anche tu hai diritto ad uno spazio e ad essere ascoltata come tutti. Stai attraversando un momento di crescita, ed evidentemente le relazioni su cui puoi contare non sono sufficienteemente adeguate per farti sentire sicura e felice. Noi in realtà stiamo bene, quando le persone che ci sono vicine ci fanno stare bene, e stiamo male, quando le persone importanti non riescono ad essere presenti. Occore, però, riuscire ad affrontare la cosa nella giusta maniera ed evitare accuratamente di mettersi in crisi e di sentirsi inadeguati. Tu in realtà non dovresti assolutamente pensare di avere qualcosa che non funziona e lasciarti andare a comportamenti e sentimenti masochistici e passivi, ma piuttosto dovresti incominciare a frequentare le persone che ti fanno sentire "bellissima", perchè ti considerano "bellissima". E se senti il bisogno di un sostegno più pregnante e continuativo non trascurare di pensare ad una psicoterapia.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

News Letters