Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Introversione e depressione (144559)

on . Postato in Adolescenza | Letto 259 volte

Lisa 16

Salve, non so come iniziare; comincerò dai dati essenziali . Ho 16 anni e frequento il Liceo Classico, sto per finire il terzo anno. Provengo da quella che ritengo una buona famiglia, ogni tanto mi scontro con loro ma niente di grave. Ho molti problemi, prima di tutto perché sono introversa. Sono troppo ingenua, mi lascio ingannare e illudere, di recente anche con i ragazzi; mi faccio calpestare quasi sempre, non so come difendermi, io cerco solo di portare rispetto ed essere a mia volta rispettata, ma così non è. Ne soffro molto, fino ad arrivare - recentemente- a pensieri riguardanti il suicidio. Ho bassa autostima, mi odio, per certi versi sono autolesionista, mi disprezzo, non reagisco. Dire quello che penso è difficile, ci riesco certe volte attraverso la chat o Facebook, ma non è la stessa cosa e mi sento ogni giorno sempre più vigliacca. Non ho un minimo di coraggio nell'affrontare le interrogazioni e i compiti, i professori e certe volte i compagni. I miei compagni mi sfottono senza motivo, e questo, oltre ai problemi scolastici, mi sta portando a diventare scorbutica e spesso aggressiva e provocatoria. Diversamente dal solito, rispondo bruscamente e usando un linguaggio volgare che 'non è da me'. Certe volte tendo ad essere impulsiva, e questo è un problema da risolvere immediatamente, anche perchè va in contraddizione con il mio carattere. Ho problemi a scuola perché non riesco ad adattarmi ai metodi e ai ritmi, non sono sicura quando ripeto e non riesco a dire qualcosa anche se la so. Il fatto di non essere nemmeno brava in Italiano, la mia materia preferita, mi scoraggia troppo. Mia madre dice che ho degli atteggiamenti feticisti nei confronti della scrittura e della lettura. Vorrei diventare una scrittrice, anche se è letteralmente impossibile. Quest'anno non riesco a concentrarmi, sono sempre stressata a causa della scuola, sono sempre stanca e depressa, piango per un nonnulla. Mi sento sempre in colpa. Mesi fà, il mio ragazzo mi ha lasciata e ho perso tanti kg che non ho recuperato perché sempre stressata. Ho problemi di salute in continuazione, come ad esempio: capogiri, debolezza, mal di testa, mal di schiena, torcicollo; sono sempre pallida, sciupata, coi piedi non sto mai ferma e ho brividi lungo la schiena. Non mi sento incentivata, non ho più nessuno obiettivo, certe volte divento apatica e cinica, altre mi butto in sogni impossibili, vorrei solo terminare l'anno e stare in pace, senza vedere nessuno, rimanendo con quelle pochissime amiche che ho. Non so se sono riuscita a farvi capire i miei problemi. Si possono in un certo senso scomporre in vari modi. Spero di si, e che potrete (per quanto è possibile online) aiutarmi. Mi dispiace per il linguaggio non proprio adatto e per gli eventuali errori: ho scritto di getto.

Ciao Lisa, la richiesta che fai è ricca di elementi. Come prima cosa cosa direi che l'introversione spesso può essere considerata come una forma di protezione, di difesa, quindi come tutte le difese, la si mette in atto per poter affrontare meglio talune situazioni. Il fatto che sia presente un'autostima scarsa non ti permette di cogliere quegli aspetti "positivi" di te. Positivi lo metto tra virgolette perchè credo che sia importante sottolineare come in te ci siano tanti aspetti che ancora non riesci a cogliere, lati che forse preferisci celare. Prova a tirarli fuori, magari chiedendo aiuto ad uno psicologo. Credo che in realtà un primo passo tu lo abbia fatto, chiedere aiuto e farsi aiutare è una grande forma di coraggio. Parli di tentativi di suicidio e di comportamenti autolesionisti. Cosa intendi veramente? La perdita di peso, potrebbe essere correlata allo stress fisico ed emotivo è importante non sottovalutarla, così come gli altri sintomi che riporti potrebbero far pensare ad un processo di somatizzazione. Ti invito nuovamente a chiedere aiuto.

(Risponde il Dott.ssa Francesca Iacobelli)

Pubblicato in data 08/07/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini ch...

News Letters