Pubblicità

Malessere e tristezza (152931)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 320 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesco, 16

Salve,mi chiamo Francesco,
ho 16 anni ed un problema che continuo a sopportare da quasi un anno: non riesco più a divertirmi,a ridere veramente.
Credo che tutto questo mio stato d'animo sia peggiorato da quando sono passato dalla scuola media al liceo classico, poichè essendo un istituto molto impegnativo mi ruba tutto il giorno e quando finisco di studiare (incomincio  alle 3:00 e finisco sempre alle 7:30/8:00) passo tutto il tempo restante a parlare virtualmente con alcuni miei amici mai conosciuti realmente.
La mia media a scuola è scarsa,sono a rischio di essere rimandato a tre materie,nonostante i miei sacrifici e rinuncie: ho infatti personalmente abbandonato tennis e chitarra a causa del mio andamento. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è una ragazza, della quale mi sono per la prima volta,letteralmente,innamorato perso.
Vorrei tanto uscire con lei,ma lo studio,la mia terribile timidezza e la inesperienza nel campo continuano a bloccarmi. Concludo con il dire che la situazione è precipitata dal momento in cui lei stessa mi ha fatto sapere della sua passione proprio per un mio buon amico,con il quale tra noi è nata una orribile rivalità ed odio.
Ho bisogno di aiuto,perfavore è già la seconda volta che scrivo.
Spero di essere visto,grazie.

Ciao Francesco, nel tuo racconto ci sono diversi argomenti da affrontare. Anzitutto mi rendo conto che il passaggio dalla scuola media a quella superiore è un momento critico per tutti. Ci si deve adattare ad un ambiente (fatto anche naturalmente di docenti e compagni) completamente diverso, dove i ritmi e le aspettative sono molto alti. Tu, inoltre, hai scelto un corso di studi molto impegnativo e che, come mi dici, ti comporta di trascorrere molte ore sui libri, trascurando i tuoi interessi come il tennis e la chitarra. Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Dall'inizio della scuola sono passati solo pochi mesi, per cui non abbatterti! Il cambiamento e la riorganizzazione della vita e dello studio hanno bisogno di un po' di tempo per trovare il loro equilibrio. E vedrai che anche i tuoi sforzi verranno ricompensati. E se proprio non dovesse andare, ne riparleremo, c'è sempre una soluzione! Anche se ti rimane poco tempo libero, cerca di riprendere ciò che ti piace. Coltiva le amicizie "reali" (esci almeno un paio di volte la settimana con i tuoi amici) e trova del tempo per te. Solo così potrai veramente distrarti, realizzarti e riacquistare anche delle energie da spendere poi ancora nello studio. Passiamo alla questione successiva: la ragazza di cui ti sei innamorato.
Il passaggio a una dichiarazione d'amore vera e propria, dal momento che sei timido, può essere fatto a piccoli passi. Inizia con dei gesti, con delle parole, dei piccoli momenti di condivisione (es. farle ascoltare una canzone con gli auricolari) per creare più complicità e confidenza, così sarà più facile fare un passo decisivo.
Con il tuo amico credo che la sincerità sia l'arma migliore. Chiarisci che tu sei veramente interessato alla ragazza. Magari lui desisterà da ogni intento. Se poi doveste essere tutti e due innamorati di lei, allora ognuno giocherà le sue carte (ma sempre con onestà!). Spero di esserti stata utile.

(Risponde la Dott.ssa Dongiovanni Filomena)

Pubblicato in data 12/01/2012
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia/Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

News Letters

0
condivisioni