Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Mamma disperata (121068)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 163 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lorella 47

Salve, sono una mamma disperata. Siamo una famiglia composta da 3 persone: io, mio marito e nostra figlia di 15 anni. In questi ultimi 2 anni nostra figlia stà assumendo nei nostri confronti degli atteggiamenti molto ribelli e irritanti. Essendo figlia unica e donata dal cielo con molta difficoltà, abbiamo cercato di darle il meglio secondo le nostre possibilità, facendole anche frequentare dall'asilo fino alle medie la scuola privata (dalle suore). Iniziata la scuola superiore (scelta da lei), non più privata, molte delle sue vecchie amiche si sono allontanate (molte di queste hanno continuato la scuola privata). Il suo essere ribelle si intende nel volere a tutti i costi, ad esempio gli abiti con grif, il telefonino ultimo modello ed andare in discoteca fino alle 4 del mattino. Abitando in una zona turistica ed abitata da molte persone benestanti, ella ci rimprovera le nostre non possibilità di concederle tutto quello che lei vorrebbe, dichiarando che non avendo queste sue possibilità la ritengono i suoi amici una ragazza (sfigata) non alla loro portata e quindi la evitano e la deridono. Vi chiedo come dobbiamo comportarci io e mio marito per non entrare in conflitto. Vi prego rispondeteci!

Cara Lorella, purtroppo devo dirti che il comportamento di tua figlia non ha nulla di anomalo, dal momento che tu e tuo marito le avete sempre servito il meglio su un piatto d'argento. Adesso è lei che chiede e non si accontenta più di quello che le date, perchè ha esigenze sue di ragazzina e quello che volete darle voi non va più bene. Tieni anche presente che tua figlia è nel pieno dell'adolescenza e che anche i figli perfetti durante l'adolescenza diventano per i genitori quasi degli estranei, non più i figli che avevano creduto di allevare. L'unico consiglio che posso darti è quello di parlarle nella maniera più dolce e aperta possibile, dove per "aperta" intendo che tu devi essere aperta ad accogliere quello che lei ti dirà senza accusarla o giudicarla, ma cercando di comprenderla e di spiegarle il tuo punto di vista senza cercare di imporlo. Spero di averti aiutata e che tutto si risolva per il meglio.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 30/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un og...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters

0
condivisioni