Pubblicità

Mancanza di concentrazione (015096)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 151 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Annika,12 anni

Buongiorno, mia figlia non riesce a concentrarsi nello studio. Se la materia le interessa, prende dei voti eccezionali (anche un ottimo), altrimenti è lo sfacelo.Quando studia si deve muovere in continuazione però se l'argomento le interessa oppure se poi deve fare qualcosa di interessante, finisce velocemente, imparando le lezioni. Un'esempio: verifica di matematica, ricopia male i dati e quindi, anche se il ragionamento è giusto, sbaglia tutti i calcoli.Sta rischiando di essere bocciata.Non ha problemi di vista (anzi ha 12/10), non ha problemi di apprendimento perchè ha fatto dei test attitudinali: ha molta forse troppa fantasia (però
non dice mai bugie): ti racconta le storie che vorrebbe scrivere oppure mettere in scena.Nei colloqui che avevo fatto, mi hanno sempre detto di cambiarle scuola (elementare) ma per paura che soffrisse per il distacco dalle compagne, non l'ho mai fatto
Che cosa posso fare? Esistono dei centri che ti insegnano a concentrarsi? (Io abito a Milano).Per quanto riguarda la mia situazione familiare, mia figlia non conosce il padre ma è una bambina allegra, e anche colloqui psicologici fatti hanno rilevato che non ci soffre per la situazione: si è affezionata al mio compagno che l'ha cresciuta. Grazie

Gentile mamma di Annika,sembra che sua figlia abbia bisogno di "muoversi", correre nei pensieri, come se il fermarsi (ed il soffermarsi) comportasse per lei il dover entrare in contatto con qualche sofferenza.Ora, sua figlia si distrae, chissà da cosa cerca di distrarsi in realtà in questo momento della sua vita.Forse da quel padre che non ha mai conosciuto, visto che proprio adesso sua figlia entra nella fase della sua vita in cui diventa una signorina? Ammesso e concesso che con il suo compagno il rapporto sia splendido, in ogni caso la figura paterna rimane sempre tale.Mi colpisce che lei mi scriva che colloqui psicologici fatti hanno rilevato che lei non soffra per la situazione. Ci soffre lei signora?Parli con sua figlia di suo padre, e ne parli anche con se stessa.Se la distrazione di sua figlia continua, consultate un esperto.Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

News Letters

0
condivisioni