Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Mancanza di concentrazione (015096)

on . Postato in Adolescenza | Letto 108 volte

Annika,12 anni

Buongiorno, mia figlia non riesce a concentrarsi nello studio. Se la materia le interessa, prende dei voti eccezionali (anche un ottimo), altrimenti è lo sfacelo.Quando studia si deve muovere in continuazione però se l'argomento le interessa oppure se poi deve fare qualcosa di interessante, finisce velocemente, imparando le lezioni. Un'esempio: verifica di matematica, ricopia male i dati e quindi, anche se il ragionamento è giusto, sbaglia tutti i calcoli.Sta rischiando di essere bocciata.Non ha problemi di vista (anzi ha 12/10), non ha problemi di apprendimento perchè ha fatto dei test attitudinali: ha molta forse troppa fantasia (però
non dice mai bugie): ti racconta le storie che vorrebbe scrivere oppure mettere in scena.Nei colloqui che avevo fatto, mi hanno sempre detto di cambiarle scuola (elementare) ma per paura che soffrisse per il distacco dalle compagne, non l'ho mai fatto
Che cosa posso fare? Esistono dei centri che ti insegnano a concentrarsi? (Io abito a Milano).Per quanto riguarda la mia situazione familiare, mia figlia non conosce il padre ma è una bambina allegra, e anche colloqui psicologici fatti hanno rilevato che non ci soffre per la situazione: si è affezionata al mio compagno che l'ha cresciuta. Grazie

Gentile mamma di Annika,sembra che sua figlia abbia bisogno di "muoversi", correre nei pensieri, come se il fermarsi (ed il soffermarsi) comportasse per lei il dover entrare in contatto con qualche sofferenza.Ora, sua figlia si distrae, chissà da cosa cerca di distrarsi in realtà in questo momento della sua vita.Forse da quel padre che non ha mai conosciuto, visto che proprio adesso sua figlia entra nella fase della sua vita in cui diventa una signorina? Ammesso e concesso che con il suo compagno il rapporto sia splendido, in ogni caso la figura paterna rimane sempre tale.Mi colpisce che lei mi scriva che colloqui psicologici fatti hanno rilevato che lei non soffra per la situazione. Ci soffre lei signora?Parli con sua figlia di suo padre, e ne parli anche con se stessa.Se la distrazione di sua figlia continua, consultate un esperto.Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters