Pubblicità

Me stessa(011002)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 210 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Aspasia, 18 anni

Sono una ragazza di 18 anni, compiuti 3 mesi fa. La mia è una famiglia sana, non ho mai avuto problemi familiari però mi ritrovo a questa età piena di complessi. Mi odio e scarico tutto questo con problemi di alimentazione, ci sono dei periodi in cui non mangio ed altri in cui esagero. Il problema è che non riesco a relazionarmi con gli altri, quando sono tra la gente divento rosso porpora per il senso di vergogna ed inadeguatezza....ed inoltre non ho mai avuto un ragazzo, non ho mai dato un bacio, non so cosa voglia significa ricevere un "ti amo" e mai nessun ragazzo mi ha mai prestato particolare attenzione. Ultimamente ho avuto un'amica con cui andavo particolarmente d'accordo e c'era un ragazzo, un modello...niente di meno adatto a me, che mi voleva particolarmente bene (poi ho capito il perchè). i sono illusa di poter interessare a questo ragazzo e di poter avere un'amica. Volete sapere come è finita? Si sono messi insieme mentre io ero fuori un week-end e non sono stati neanche loro a dirmelo. Più volte ho pensato di porre fine a tutto questo , ivere mi sembra inutile, ma poi non ho il coraggio... e se lo trovassi? ho paura di cosa potrei fare!

Gentile Aspasia,Mi scrivi che ti trovi a 18 anni piena di complessi, di odio verso te stessa (come è nato?), scarichi tutto con problemi di alimentazione (ottimo che tu l'abbia capito), il problema "vero" è come tu dici che non riesci a relazionarti con gli altri. Diventi rosso porpora, non hai mai avuto un ragazzo, non hai mai dato un bacio, nessuno ti ha mai prestato attenzione,
gli amici ti hanno delusa, vuoi farla finita, non sai cosa vuol dire aver detto "ti amo".In tutto questo c'è una cosa positiva (anche se magari a te sembra difficile vederla): tu stai iniziando a prestare attenzione a te stessa, ti stai rendendo conto della tua situazione. Se gli altri non te la prestano, puoi iniziare a prestarla tu a te stessa, iniziando così subito a diventare una persona interessante, una persona che "si vede", che pensa a cosa le accade. A parte questo, bisognerebbe capire come è nato tutto questo, il tuo odio verso te stessa, perchè sei piena di complessi. Questo è un lavoro che dovresti fare con un esperto, per capire le radici di questa situazione, soprattutto perchè tu dici "ho pensato di porre fine a tutto questo", ed è un bene che tu lo possa dire e pensare, nel momento in cui vuole dire per te stessa che "vuoi cambiare", nel momento in cui la "morte" diventa una metafora di rinascita. Nel caso in cui non fosse così rivolgiti al più presto ad un esperto, non aspettare nemmeno un minuto, non perdere tempo per farti aiutare.Scoprendo te stessa potrai scoprire anche l'altro, e vivere tutto quello che già desideri che succeda: amare, dare un bacio, lasciare alle spelle le delusioni e vivere tutto ciò che desideri e che scrivi in questa lettera. Cordiali saluti

( risponde il dott.re Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Noia

È  uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un'at...

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti, prevede il futuro e costruisce ...

News Letters

0
condivisioni