Pubblicità

Non è così difficile... (50828)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 225 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Antonella, 18 anni, 21.06.02

Sento di vivere in un mondo fatato...tranquillo...dove so che quando voglio fare una cosa ho l'occasione di farla...ma il più delle volte sono solo errori...errori nei quali è comodo rifuggiarsi...perchè i miei genitori non capiscono che non ho del cattivo in me?..non sono come credono che io sia...mi odio è vero...ma è normale e lo so...non sono così stupida come voglio far pensare..quanti non...nel mio mondo non ce ne sono invece..come posso coinvolgere anche loro se ogni tentativo di dialogo va in fumo?...io non ho il temperamento per affrontarli e loro non credono in me..sto soltanto male quando sento i loro discorsi e così giorno dopo giorno continuo ad odiarmi...fino ad aver tentato il suicidio l'anno scorso...la cosa grave è che ora lo rifarei..per stare su un lettino e non sentir più nessuno..è come un vivere solo per pensare...non per affrontare il mondo..il mondo che tanto amavo...ma in me non c'è rancore o tristezza...solo paura di non fare ciò che desidero fare..forse un controsenso vista la mia parte iniziale di questa mail..adesso chiudo..così non vi annoio più! :p "desidererei" una vostra risposta perchè...mi sento un po confusa...

Cara Antonella, gli errori sono il sale della vita e devono costituire per ognuno di noi una piattaforma indispensabile per accedere ad una esperienza migliore. "Sbagliando si impara", e soprattutto si cresce e si diventa persone migliori. Sei sicuramente una bellissima persona, ed allora non arrenderti lasciandoti schiacciare dalle delusioni. Ricorda che troverai presto una tua dimensione di emancipazione; e non dare eccessiva importanza a quello che dicono i tuoi genitori, che evidentemente, è il caso di dire, sbagliano a loro volta.Vedrai che con un pò di coraggio e di ottimismo le cose finiranno con il prendere finalmente il verso giusto.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

News Letters

0
condivisioni