Pubblicità

Non ne ho idea (8)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 323 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


Salve, sono Davide, 17 anni, sono del sud italia, da 2 anni vivo al nord, non riesco a trovarmi bene con i ragazzi di qui, molti sono anche razzisti, sono solo e i miei genitori non fanno altro che criticarmi perchè sto chiuso in casa... Sto impazzendo, voglio solo tornare al sud dai miei amici e riprendere le mie abitudini, non so perchè ho scritto questo ma ne avevo bisogno, se qualcuno di voi ha dei consigli sono ben accetti...


Ciao Davide, mi pare di capire che tu stia vivendo un vero malessere da trapianto sociale.
A volte per i genitori trasferirsi (per motivi di lavoro oppure per motivi sociali) risulta l'unica soluzione possibile e i figli non possono fare altro che assecondarla. Molto spesso l'integrazione risulta difficile e c'è bisogno di un certo tempo per adattarsi. Certamente restare chiusi in casa non è l'atteggiamento più utile per fare nuove esperienze ed integrarsi. Forse hai solo incontrato la compagnia sbagliata, ma se ti darai la possibilità di scoprire i lati positivi del "nord" vedrai che a poco a poco riuscirai ad integrarti. Dai a te stesso ancora un pò di tempo..non vivere nel pregiudizio. Tra un anno poi potrai decidere autonomamente dove vivere e cosa fare della tua vita. Se il tuo malessere dovesse protrarsi o peggiorare ti consiglio di rivelgerti presso un consultorio giovanile. Gli psicologi ti aiuteranno a ritrovare te stesso e la tua identità.
Ti auguro di ritrovare presto la serenità

(Risponde la Dott.ssa Anna La Guzza)

Pubblicato in data 23/03/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni