Pubblicità

Non so definirlo (067007)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 170 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ciro 17 anni, 4.10.2003

Da quando avevo undici anni soffro del seguente disturbo: mi arrotolo furiosamente i capelli tra le dita, fino a formare dei veri e propri pungiglioni.
Lo faccio quasi ininiterrottamente nel corso della giornata, il che mi rallenta negli studi, mi deconcentra, mi rende confuso e lento. A volte impiego un'ora d'orologio per comprendere una pagina di libro, scolastico o meno.
La cosa, insomma, è diventata da tempo un vero e proprio problema.
Inoltre soffro di piccole manie rituali (gesti scaramantici, allineamento di oggetti e altre piccole cose)che un po' mi preoccupano. Ci tengo a precisare che, però, a parte queste cose ( e a parte un carattere molto chiuso), la mia vita è abbastanza normale.
Anche negli studi, nonostante tutto, continuo ad avere buoni risultati. Tuttavia una risposta e un chiarimento sarebbero per me estremamente importanti.

Caro Ciro, alla tua età comportamenti rituali, come quelli che tu citi, sono molto frequenti e denotano soltanto un certo turbamento nello sviluppo della personalità, ossia qualcosa di molto frequente e diffuso anch'esso.
A volte sono soltanto crisi passeggere dovute alla difficoltà, tutta adolescenziale, di trovare una chiarezza nella propria identità interiore e una stabilità nei rapporti interpersonali.
A volte si tratta di elementi radicati nel carattere. Se il turbamento deriva invece, come è pure possibile, da uno stato di sofferenza interiore, può essere consigliabile il ricorso ad una serie di colloqui con lo psicologo, per far venire a galla i motivi reali del turbamento e per affrontarli e risolverli; la qual cosa può avvenire anche spontaneamente, ma è molto più facile se effettuata con l'aiuto di una persona esperta.
Anche nel caso di elementi caratteriali, può essere d'aiuto il colloquio, per stabilire che cosa è meglio fare nei confronti del problema ed evitare di appesantirsi ulteriormente con atteggiamenti o pensieri inadatti.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni