Pubblicità

Non vivo più (146296)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 259 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Piero 15

Salve, mi chiamo piero e ho 15 anni, ho spesso cercato degli pscicologi online gratuiti perchè economicamente la mia famiglia non sta bene. Io credo di star entrando nel "tunnel" della depressione. Divento facilmente irritabile e non provo piacere a tutte le cose che farebbero felici gli altri tutto questo è dovuto a molti fattori. Ben tre anni fà persi la mamma! Tutto mi sembrava piu difficile, ma proprio quando stavo per cadere ho conosciuto una ragazza. Mi ha rubato il cuore regalandomi amore, ma adesso dopo due anni di relazione è finita! Ho paura di incontrarla con un altro, e cio causa la mia voglia a restare a casa. Non faccio altro che piangere e buttarmi giu con canzoni che fanno deprimere. Come se non bastasse è morta anche mia nonna! La consideravo la mia seconda mamma e adesso è andata via. Non so più cosa sia la felicita, ho perso la voglia di vivere la mia gioventù. Ho capito che il mondo è ingiusto, siamo rinchiusi in una vita monotona che non ci vuol fare uscire. Vorrei un aiuto, perchè mi rendo conto che se continuo cosi, non so se sarà una vita felice! Per favore non datemi consigli del tipo: vai dallo psicologo, perchè ripeto non sto bene neache economicamente. Grazie anticipatamente in fede, cordiali saluti.

Caro Piero, comprendo bene che ci sia profonda tristezza, perdita di ogni piacere, preoccupazione, un tunnel nero, il tunnel della depressione! I lutti di cui parli, sono dei buoni motivi per entrare in depressione! La perdita di tre donne importantissime: tua madre, tua nonna che tu hai vissuto come seconda mamma ed infine la tua ragazza, colei che aveva ricompensato un po’ di quell’amore e di quella grave perdita. Tutte queste sciagure sono assai difficili da tollerare per chiunque, per un ragazzo di 15 anni, lo sono immensamente di più! Nonostante ciò Piero, mi sembri molto ostinato, perché chiedi aiuto ripetutamente ma pretendi che ti si fornisca come desideri tu. Il punto è che hai tutto il diritto ed i motivi per essere depresso, hai anche tutti i motivi per essere arrabbiato col mondo intero, per quello che ti è successo. Senza meritartelo ti sono capitate due perdite importanti e dolorose. C’è da essere molto arrabbiati! Tu non hai scelto tutto questo e devi sentirti molto impotente. Non puoi cambiare sicuramente il passato, ma puoi però fare qualcosa ora, per la tua vita attuale e futura, puoi cambiare ciò che senti e come lo vivi. Gli eventi e le persone non le puoi modificare, ma te stesso sì. Per far ciò però devi essere disposto a lasciar andare la rabbia, a favore di un lavoro volto alla tua crescita. Tu invece, appari ostinato nel tuo dolore e nella tua sofferenza, nei lamenti che sembrano volti a far sentire il tuo peso a tutto il mondo. Probabilmente, ci sono persone a cui vorresti farla pagare ma facendo così, la fai pagare prima di tutto a te stesso, che in questo meccanismo perdi la vita. Caro Piero, non puoi chiedere un consulto e poi legare le mani a chi te lo fornisce. Tu infatti, rimandi indietro il consulto nel momento stesso in cui lo chiedi, mettendo un limite e dicendo cosa non vuoi sentirti dire. Il fatto che questi siano consulti gratuiti, non significa che siano senza valore o che tu puoi utilizzarli come meglio desideri. Tutto ha un prezzo, anche questi consulti apparentemente gratuiti. Il prezzo è la realtà, è la risposta dell’altro, che devi essere disposto ad accettare, qualunque essa sia. Se non sei disposto ad accettare la risposta, è meglio che non formuli la domanda, altrimenti ne sarai solo frustrato. Se desideri realmente uscire dalla tua condizione emotiva, devi essere disposto a mettere dell’energia su di te, a lavorare orientandoti su te stesso. Se metti te stesso, la tua sofferenza e la tua guarigione al primo posto, non ci sono limiti e qualsiasi ostacolo verrà superato. Prima devi decidere cosa vuoi veramente, chiederti se sei disposto a tutto per ottenerlo e poi vedrai che tu e la tua famiglia troverete le risorse perché ciò avvenga. Credo che hai tutto il diritto di essere aiutato e la tua famiglia, per quanto in difficoltà si deve mobilitare per fornirtelo, perché il tuo benessere sta al primo posto. Continuare a piangere e lamentarsi fa perdere energie inutili, che non portano a nessuna soluzione utile. Di consulti ne hai già fatti abbastanza, adesso devi trovare la forza di cambiare registro e di passare al cambiamento concreto. Visto che da solo non ci sei riuscito, è necessario qualcuno che ti fornisca un sostegno ed un indirizzo. Infatti, il tentativo di uscirne già fatto, ti ha creato una soluzione momentanea molto efficace, cioè trovare una ragazza, ma poi ha creato un’ulteriore dipendenza emotiva, che ti ha riproposto il baratro della dipendenza e del lutto precedente. Questa è la soluzione più immediata e naturale che spesso viene presa in questa e in circostanze analoghe, purtroppo non risolve definitivamente il problema. Adesso si tratta di focalizzarsi su altre tue risorse, che ti permetteranno un passaggio maggiormente definitivo e costruttivo. Buon lavoro.

(Risponde la Dott.ssa Costantini Sabrina)

Pubblicato in data 09/07/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni