Pubblicità

onicofagia (44167)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 294 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

anonima, 17anni (4.10.2001)

Salve,vi ringrazio anticipatamente per l'aiuto che mi darete.Ho 17 anni e sono ossessionata dall'onicofagia,mangio le unghie a volte fino a farmi uscire il sangue (anzi a volte lo faccio volontariamente per farmi male).Ho iniziato all'età di 5 anni e da allora lo faccio in qualsiasi momento della giornata,fin da quando ero piccola non mi sono limitata alle unghie delle mani ma anche a quelle dei piedi.Alcune volte quando le unghie non mi appagano più mordo anche le labbra.
Da quando avevo 4 o 5 anni,fino a quattro anni fa,mia madre è stata in preda ad una profonda depressione,aveva allucinazioni sonore e attacchi di panico.A volte mi veniva a prendere a scuola perchè aveva sentito delle voci che le dicevano che mi avevano ucciso.Mio padre ha sempre cercato di non far sapere a nessuno la situazione che vivevamo in casa per via dei pregiudizi della gente e,io stessa, da bambina non ho mai fatto venire le mie amiche a casa perchè avevo paura che si accorgessero che mia madre era "diversa".In casa ci sono sempre state liti tremende perchè mia madre non voleva curarsi,passava le giornate a letto,cucinavamo e pulivamo noi (e qualche volta mio padre) per quello che potevamo.Una volta,quando facevo la quinta elementare,abbiamo anche cambiato città perchè mia madre si sentiva perseguitata,ma dopo una settimana siamo ritornati.
E' stata ricoverata due volte in un ospedale psichiatrico,quello che ora non sopporto è che,quando ero piccola,mi sono sempre vergognata a morte di lei pur volendole un bene illimitato.Non sono cose facili da descrivere,ma penso di aver reso l'idea!Appena mia madre a cominciato a curarsi e a star meglio è caduta mia sorella più grande.Lei è stata nella mia infanzia sempre una figura di grande sostegno.Ora è in cura da uno psicologo e sta recuperando un suo equilibrio.E io?Non so, è per questo che scrivo a voi.Recentemente ho avuto una storia difficile con un ragazzo che mi ha falto stare molto male,ma ora ho un ragazzo che dice e dimostra di amarmi,anche se io non so se sono in grado di provare un simile sentimento!Vado bene a scuola e ho,in generale,un ottimo rapporto con le persone.
Sono considerata una persona socievole ed espansiva,ma anche alla mia miglior amica di cui mi fido tantissimo e con cui ho un amicizia profonda e molto bella,non ho mai detto niente di tutto ciò che sto scrivendo in questo momento.Ah quasi dimenticavo a volte ma solo a casa ho degli scatti di ira incontenibili e poi crisi isteriche di pianto,in particolare quando litigo con mia madre.Tuttavia dopo un quarto d'ora mi passa tutto perchè non riesco a stare lontana da lei.Mi accorgo di essermi dilungata molto,ma vi prego di scusarmi e capirmi.
Grazie.
P.S non consigliatemi di rivolgermi ad uno psicologo o cos'altro,non lo farò mai!

L'ultima frase mi ha colpito.Come mai, cara anonima, chiedi aiuto ad uno psicologo e poi non vuoi avere niente a che fare con lui? Come mai prima riconosci di aver bisogno d'aiuto e poi lo rifiuti? Ti lascio questo interrogativo. Intanto ti rispondo sull'onicofagia. Di certo è una manifestazione di rabbia autodiretta, cioè l'aggressività viene diretta su se stessi perchè bloccata nei confronti di altri. Questi altri sono persone importanti per noi e che non vogliamo perdere per cui evitiamo di manifestare la rabbia (a meno che non scoppi fuori come accade a te a volte con tua madre). Io credo che dovresti andare a fondo rispetto al tuo rapporto con tua madre, che di certo è stato un modello instabile e poco rassicurante.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters

0
condivisioni