Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Opinioni della gente (19991007)

on . Postato in Adolescenza | Letto 139 volte

Giuliano, 18 anni (7.10.99)

Sono Giuliano e sono uno studente, da cinque anni ho un problema che mi tormenta, il parere della gente su di me, mi spiego meglio. Cinque anni fa ero alle medie, e la mia fisionomia, il mio volto era ambiguo, in pratica non si capiva se ero maschio o femmina, per me era una cosa terribile infatti iniziarono a esserci ragazzi e ragazze che prendendomi in giro o chiedendomi se ero maschio o femmina mi mettevano a dir poco in imbarazzo e di questi episodi ce ne sono stati tanti e molto umilianti.

Iniziai a isolarmi a non fare più sport a non uscire più di casa avevo solo un amico che mi conosceva da tempo, veniva il più delle volte a casa mia, del mio problema ne con lui ne con i miei genitori ne parlavo perchè era troppo umiliante, anche quando lui mi invitò in vacanza dei suoi amici mi prenderono in giro. Piangevo di notte a volte mi facevo anche del male non mi sopportavo. Poi iniziò la prima superiore che andò bene solo alcuni ragazzi mi chiedevano se ero italiano o giapponese, perchè io ho gli occhi un pò a mandorla nonostante i miei genitori siano Italiani. In classe con me c'era un ragazzo Marco, che pensavo fosse un mio amico, lo conoscevo da tempo e sapeva dei miei problemi in passato. Un giorno per una stupidata me lo misi contro e lui iniziò a prendermi in giro per il mio aspetto, sapeva tutti i miei punti deboli e da quel giorno non ci fù un momento che non mi tormentasse più che poteva, non ci fu modo di farlo smettere neanche con l'aiuto dei miei genitori.
Oggi ho cambiato scuola dopo essere stato bocciato, ora ho degli amici, miei compagni di classe e ne ho alcuni che ho conosciuto in vacanza che abitano nella mia citta, purtroppo anche in vacanza ci sono stati tantissime vicende umilianti visto che frequento lo stesso posto da molto tempo.
Però il problema rimane ho sempre paura di uscire di farmi vedere dalla gente che mi conosce e che sa del mio passato, se sono in un posto con tanta gente mi prende l'imbarazzo a volte il panico, ho sempre paura che ci sia qualcuno che mi guarda che pensi su di me, che si chieda qualcosa, allora cerco sempre di nascondermi di stare il più lontano possibile dalla gente ma sopratutto dai ragazzi che possono essere molto cattivi, tipo Marco, a volte lo vedo e mi dà il ribrezzo solo a guardarlo, ho il terrore di lui, noi non ci parliamo ma ho paura di qualsiasi confronto con lui e lui non perde occasione per molestarmi, io purtroppo non posso mettermi contro di lui neanche fisicamente, neanche se volessi lui fa Karate è malvagio e conosce moltissima gente.
Vi ringrazio per avermi ascoltato e aspetto una vostra risposta.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Caro Giuliano ma, a prescindere da quel che pensano gli altri, come ti trovi tu con te stesso? e che opinione hai di te? ti pongo queste domande perchè sento nelle tue parole una angoscia così grande che mi fa pensare più ad un tuo riconoscerti nelle così temute opinioni degli altri che ad un confronto reale. Mi spiego meglio: è un po' come se fosse lo sguardo dell'altro, più che il tuo, a svelare la vera immagine di te, ed è questa immagine che ti fa paura. Certo, la tua età induce a pensare che questa crisi di identità sia ancora legata alla fase adolescenziale, ma non per questo per te è meno dura, anzi. Io credo che a te farebbe bene farti aiutare da un terapeuta, magari esperto in problemi dell'adolescenza, e provare a far emergere la "tua" costruzione della "tua" identità.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: persone opinioni.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters